GROTTAMMARE – Dopo anni di polemiche sulla pericolosità di quei dislivelli poco visibili a causa del colore uniforme al resto della pavimentazione, in Piazza Pericle Fazzini di Grottammare sono partiti i lavori. Saranno abbattute tutte le barriere architettoniche.

Molte persone negli anni sono inciampate su quei gradini, potrebbero testimoniarlo tutte le attività commerciali che si affacciano sulla Piazza.

L’aspetto ironico della faccenda si presentava invece ogni tre anni, quando la processione del Cristo Morto attraversava la città. Molti grottammaresi si riversavano sotto l’orologio del Palazzo Citeroni per assistere ad una probabile caduta di qualche figurante o addirittura delle istituzioni (scene tra il sacro e il profano ndr).

Un anno un ragazzo inciampò e la statua dell’agnello sacrificale che stava trasportando fu recuperata in extremis.

Il sindaco Luigi Merli aveva promesso l’inizio dei lavori a febbraio e ha mantenuto la sua parola. Il 7 marzo sono iniziati i lavori.

Abbiamo incontrato sul posto l’assessore che si occupa di Manutenzioni, Stefano Troli: “Questa operazione si concluderà una volta che avremo tolto tutte le barriere architettoniche. Si prevedono venti/venticinque giorni di lavoro che restituiranno ai grottammaresi una Piazza senza più gradini ma che manterrà le pendenze grazie agli scivoli”.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.178 volte, 1 oggi)