SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giovanni Gaspari parte dai punti fermi: “Il sistema di rete fognaria della città è inadeguato e in alcuni punti addirittura al collasso. E’ un dato di fatto, scritto sulla pietra. E’ inconcepibile che ieri sera si sia andati ancora in tilt, è stata una precipitazione normale, di circa 40 mm. Da questo presupposto nasce il mio disappunto e la mia rabbia”.

Il sindaco testimonia una situazione critica, che si ripete ad ogni temporale, anche se di breve intensità. In particolare, sono quattro le aree sotto osservazione. La zona Ballarin, con la condotta delle acque bianche che trova difficoltà di smaltimento; Piazza Garibaldi e San Giovanni; via Voltattorni, dove si dovrebbe intervenire già in settimana per attenuare i disagi; e viale De Gasperi: “Soprattutto qui i problemi li riteniamo inammissibili. Abbiamo speso 1,5 milioni per gli interventi al lato est e nord, eppure nulla pare essere cambiato”.

A tal proposito, già giovedì mattina il primo cittadino terrà un vertice con i dirigenti del Ciip, finiti nell’occhio del ciclone: “Troppo spesso sono state messe pezze senza mai occuparsi di soluzioni strategiche. Dico basta con le attenuanti. O le cose cambiano, o cambiano”.

Gaspari non assolve nessuno, tranne che se stesso: “Dal 2004 la gestione integrata del ciclo delle acque è appunto di competenza del Ciip e non più del Comune. Provvedono sia all’acqua da bere che a quelle nere delle fogne. Quando affermo che nessuno ha speso più di noi per contrastare gli allagamenti, dico la verità. Oltre 5 milioni in cinque anni. Tuttavia sussistono delle criticità che si accentuano in quanto non si è mai fatto un sistema duale dello smaltimento delle acque, da una parte bianche e dall’altra nere. In gran parte di San Benedetto i liquidi, seppur separati, poi vengono convogliati in un’unica condotta che non può terminare in mare”.

Nessuna attenuante dunque, nemmeno il giorno dopo l’ennesima evitabile emergenza: “Per troppo tempo non siamo stati nei loro pensieri; tutt’oggi non stiamo recuperando il gap che c’è. In sei anni ho sempre messo la faccia di fronte alle critiche”. Stavolta no.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 959 volte, 1 oggi)