GROTTAMMARE – Sinergie musicali per il Teatro dell’Energie. Torna il Wind Symphonic Festival, con la quarta edizione.

“Con poco investimento si può ottenere così tanto. Grottammare è una città piccola ma piena di storia e c’è un’amministrazione che difende l’eredità che si porta dietro”: commenta così il direttore, Federico Paci, l’inizio della stagione concertistica di Grottammare.

La rassegna concertistica (e non solo) inizierà il prossimo 8 marzo al Teatro dell’Energie con la musica di Ennio Morricone e composizioni originali per organico grande di fiati.

Sì perché il progetto di quest’anno sarà risolto proprio ai fiati “per riscattarne la figura”, commenta Paci.

Si continuerà il 27 aprile con “Amadeus!” Mozart e la Gran Serenata (dodici fiati e un contrabbasso) e il clarinetto di Vincenzo Mariozzi.

Il 25 maggio sarà la volta sarà la volta di “ ah! L’America” “Gershwin-Piazzolla Songs”: Musiche del Nord e del Sud dell’America.

Per il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate, il programma raggiungerà l’apice, nella giornata ormai storica del Festival,con le percussioni sudamericane “e tante sorprese”.

“Si esibiranno giovani e giovanissimi delle orchestre di Fiati dell’Istituto di Alta Cultura Musicale G.Braga di Teramo e il Laboratorio Ensemble” conclude Paci.

Non esisterà prevendita, sia il biglietto (7 euro intero; 5 euro ridotto) che l’abbonamento (25 euro intero; 20 euro ridotto) saranno acquistati direttamente al botteghino prima dello spettacolo.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 213 volte, 1 oggi)