GUARDIAGRELE: Rullo, Troka, Gremi (35’ st Italiano), Granata, Di Deo, Marchetti, Malandra, Ruscitti, Contestabile (32’ Tardone), Dragani (12’ pt Marrone), Letta. A disposizione: Carosa, D’Alesio, Stenta, Scioletti. Allenatore: Paolo Savini

MARTINSICURO: Lucantoni, Paci, Piunti (17’st Moretti), Scarpantoni , Cristofari, Di Paolo, Vallese, Massi (27’st Celi), Narcisi, Picciola (10’st Rampa), Ferrara. A disposizione: Cinquegrana, Maccaferro, Di Felice, Piegallini. Allenatore: Daniele Fanì

Arbitro: Mirco Battistelli de L’Aquila

Rete: 35’pt Marchetti

Espulso: 30’st Cristofari (Martinsicuro) per doppia ammonizione

Ammoniti: Rullo e Di Deo (Guardiagrele); Ferrara

GUARDIAGRELE – Trasferta amara per i biancoazzurri che non riescono a dare continuità ai risultati dopo la convincente vittoria di domenica scorso contro il Capistrello. Una sconfitta pesante, in ottica salvezza, con il Guardiagrele che allunga ora a è4 il distacco con i truentini.

Fanì deve fare i conti con le tante assenze: fuori per squalifica i tre under De Cesaris, Addarii e Corsi e prima dell’incontro deve rinunciare anche al fantasista Nepa, colpito da un forte mal di denti. Spazio allora a Narcisi e Picciola in attacco. Bomber Rampa parte dalla panchina.

La cronaca si apre con un’occasione per il Martinsicuro:  Picciola ha sui piedi la palla buona per il vantaggio, ma Rullo è bravo a deviare la conclusione del giovane attaccante. Al 29’ per il Guardiagrele ci prova Letta con la sfera, però, che scheggia la traversa. Un minuto dopo arriva il goal dei locali: gran punizione di Marchetti che lascia immobile Lucantoni. Si va al riposo sul risultato di 1-0.

La ripresa vede i ragazzi di mister Fanì più propositivi, Rampa ha la palla buona per il pareggio ma il suo tiro non inquadra  lo specchio della porta. Ad un quarto d’ora dal termine, altra brutta tegola per i biancoazzurri: Cristofari si fa espellere, spegnendo di fatto le speranze di pervenire al pareggio.

Domenica ancora un’altra insidiosa trasferta, questa volta a Pineto. Fare punti, manco a dirlo, è d’obbligo.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 168 volte, 1 oggi)