GROTTAMMARE-REAL MONTECCHIO 2-0

GROTTAMMARE: Calvaresi V., Frinconi, Marcatili (68′ Ruggeri), Gaibo (73′ Calvaresi M.), Silvestri, Capriotti, Adorante F., Adorante R., Ludovisi, Ramadori (75′ Cesani), Nardini. A disp. Damiani, Baldassarri, Iachini, Zè Perez.
Allenatore: Luigi Zaini

REAL MONTECCHIO: Micheli, Carciani, Caldori (83′ Di Gregorio), D’emilio, Cerbara, Urbani, Biagini (58′ Ceron), De Luca, Toni, Mangoni, Fraternali (63′ Sebastianelli). A disp. Pagassoni, Antunes.
Allenatore: Emanuele Tresoldi

ARBITRO: Mataloni (Macerata) coadiuvato da Camertoni (Macerata) e Travaglia (Ascoli Piceno)

RETI: 17′ Ludovisi, 90′ Calvaresi M.

AMMONITI: 17′ Caldori, 20′ Carciani, 84′ Cerbara

ESPULSI:

ANGOLI: 10-1

RECUPERO: 1′ + 3′

SPETTATORI: 100 circa

GROTTAMMARE – Toccare il cielo con un dito. Il sogno lo si sta quasi per catturare. Non è prematuro affermare che adesso la posta in palio per il Grottammare si fa alta e le carte in regola per un bel regalino ai tifosi bianco-celesti pare ci siano tutte. Anzi, la giusta cautela ostentata da mister Zaini nelle recenti settimane (“Nonostante la classifica, pensiamo ancora alla salvezza”) adesso cozza in maniera piuttosto brusca con la vox populi, la quale oramai vede all’unanimità un team che potrebbe davvero conquistare la Serie D. Lo scrittore Paulo Coelho dichiarava che “E’ proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante”.

Ebbene, dopo la certo non difficilissima ma convincente vittoria di oggi adesso la vita della squadra rivierasca è più interessante che mai. Il sogno si chiama Playoff e lentamente, silenziosamente, costantemente e meritatamente nel corso degli ultimi mesi si è andato via-via concretizzandosi sempre più. Merito di una serie di pilastri ben congeniati che fanno da architrave ad una società che ha operato diverse rivoluzioni a partire proprio dall’inizio della corrente stagione. Ora che la convinzione di poter sfondare in alto è più che mai salda, basta perseverare a testa china e mettere da parte l’onirico che, come ci ricorda Walt Disney, se lo vogliamo veramente può mutare in tangibilità. Il famoso imprenditore diceva che “Se puoi sognarlo, puoi farlo”.

Non è stato tutto idillicamente perfetto ovviamente, a volte intercalate tra le tanti azioni da gol si sono viste fasi di gioco un po’ bruttine e mielose, magari attribuibili al recupero non ancora totalmente raggiunto dopo la lunga pausa se non al terreno di gioco poco curato. Defezioni che assolutamente non ci dovranno essere domenica nell’importante sfida contro il Tolentino, se si vuol proseguire verso la gloria.

Gli avversari del Real Montecchio meritano onore e profonda stima. Società colpita da diversi problemi e rosa messa a dura prova da infortuni e mancanze varie che oggi è stata costretta a presentarsi addirittura con due panchinari in meno. I pesaresi hanno giocato col cuore in mano e in maniera pulita, rispettosa, umile. Mai un gesto di stizza o una parola fuori posto contro gli avversari. Educati e sereni, come gli stessi dirigenti che abbiamo avuto modo di conoscere fuori campo. Nonostante le statistiche, hanno oggi disputato una buona gara che potrebbe anche preannunciare un cambio di rotta verso una posizione in graduatoria più alta.

Per quello che riguarda la ricca cronaca, si parte con l’inallenamento di azioni subito al 4′ con Ludovisi che da fuori tira debole e centrale. Al 7′ traversa per il Grottammare, su punizione battuta da Frinconi, Capriotti in area colpisce di testa con palla che impatta contro il legno alto. Dopo appena due minuti Marcatili ci prova su punizione diretta dai 30 metri, in tuffo Micheli la devia in angolo. Al 12′ Nardini in solitaria dal limite dall’area grande esplode un collo sinistro deviato sul palo dall’estremo difensore del Real Montecchio.

Al 15′ ancora padroni di casa aggressivi, batti e ribatti in area con palla a Ludovisi che si gira ma calcia debolmente. Dopo due minuti vantaggio bianco-celeste. Caldori in area strattona Nardini, l’arbitro concede il rigore. Ludovisi dagli 11 metri non sbaglia e spiazza il portiere. Al 20’ l’arbitro concede un secondo rigore. Carciani commette fallo ancora su Nardini. Dal dischetto Ludovisi calcia malamente alto. Dopo un minuto l’unica azione da gol per il Real Montecchio in tutta la partita. Mangoni da posizione defilata spara alto di poco sopra la traversa. Poi dieci minuti di pausa e si riprende al 31′. Bei fraseggi dei padroni di casa in zona tre-quarti, palla suggerita per Ramadori che esplode un collo destro dal limite che sfiora il secondo palo.

Le ultime due azioni della prima frazione di gara sono ancora marchiate Grottammare. Al 37′ Frinconi dai 35 metri tenta un pallonetto e a momenti realizza un super-gol, mentre al 39′ Ludovisi riceve un passaggio basso in area, colpisce di piatto destro al volo e a portiere battuto Caldori salva sulla linea in corner.

Nel secondo tempo è solo Grottammare. Al 48′ Adorante F. va vicino al gol, Gaibo avanza in area e dribbla due difensori avversari, palla bassa per il centrocampista rivierasco che ad altezza dischetto del rigore la calcia forte ma centrale. Al 51′ Ramadori ci prova direttamente su punizione dai 30 metri, sfera che passa in mezzo alla barriera con Micheli che in tuffo devia in corner evitando un gol quasi certo. Ancora padroni di casa, al 58′ Frinconi avanza sulla fascia destra e la crossa al centro per bomber Ludovisi, il colpo di testa di quest’ultimo finisce di poco sopra la traversa.

Al 71′ Su angolo battuto da Capriotti, Ramadori colpisce di testa ma spedisce a lato e un minuto dopo ancora l’attaccante maceratese, lanciato in contropiede, a tu per tu con Micheli spreca calciandogli addosso. Al 86′ Nardini dal limite, dribbla un paio di difensori avversari e conclude di poco a lato e allo scoccare del 90′ c’è il raddoppio. Nardini crossa al centro dalla destra, il giovanissimo Calvaresi M. da poco entrato in tuffo la mette dentro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 147 volte, 1 oggi)