GROTTAMMARE – La “25ma ora” non è solo di un film di Spike Lee, ma è anche il titolo dell’ultimo progetto messo in campo dall’associazione culturale Blow Up, dedicato ai giovani tra i 18 e i 35 anni che intendano realizzare iniziative culturali nuove.
Riviera Oggi ha intervistato il presidente dell’associazione, Sergio Vallorani, per saperne di più.

Come è nata l’idea della “25ma ora”?
Da troppo tempo ormai assistiamo in Italia ad un diffuso decadimento culturale che, nel nostro piccolo, abbiamo cercato di combattere attraverso la nostra associazione e le numerose iniziative organizzate in questi  17 anni di attività. È quindi un’idea che coviamo da tempo che ora abbiamo strutturato in un vero e proprio progetto, un manifesto con degli obiettivi chiari e dei punti programmatici. Siamo convinti, oggi più che mai, della necessità di rimboccarsi le maniche, di fare associazionismo, di progettare e dare forma concreta a idee nuove.

Qual è lo scopo del progetto?
Dare l’opportunità a chi ha una proposta culturale di realizzarla, mettendo a disposizione le nostre competenze e fornendo contatti, modus operandi, referenze, materiale e quant’altro Blow Up ha raccolto negli anni. I settori in cui operiamo sono molteplici e spaziano dal cinema alle arti visive, dalla musica all’ editoria, dalla multimedialità al teatro, dal comics alla letteratura, dalla filosofia alla scienza e dall’enogastronomia all’ambiente. Le proposte da presentare possono riguardare un solo ambito o incrociarne diversi.

Arrivare ai giovani non sempre è facile, quali strategie intendete adottare per coinvolgerli?
Più che usare strategie noi vogliamo semplicemente invitare i giovani del territorio ad avvicinarsi alla nostra associazione prima di tutto per ascoltarli, per discutere insieme di idee e progetti e per far sì che le loro proposte diventino iniziative concrete, aiutandoli nell’organizzazione. Inoltre vorremmo che i giovani si accostassero all’associazione perché ci stiamo attivando per un ricambio generazionale e nel nostro direttivo ci sono posti disponibili.

Blow Up quindi cerca eredi?
Ci piacerebbe che giovani leve entrassero a far parte dell’associazione costituita per lo più da soci oltre i trentacinque anni, per dare linfa nuova e per portare avanti, attraverso proposte innovative, l’attività culturale da noi avviata. Crediamo molto nei giovani e nelle loro potenzialità e intendiamo aiutarli ad esprimerle al meglio.

Avete anche altre iniziative in cantiere?
Abbiamo in animo la creazione di un laboratorio permanente di idee, una fucina della creatività che diventi un Centro di Arti e Mestieri dove vecchi Maestri trasmettano a giovani laureati i valori del “saper fare” e del “saper creare”. Uno spazio dove incontrarsi per parlare e confrontarsi, dove mettere a disposizione disinteressatamente le proprie abilità e competenze. Parafrasando il pittore e scultore Joseph Beuys, mi verrebbe da dire che tutti sono artisti e che tutti i lavori permettono agli uomini di scolpire quell’enorme blocco di marmo che si chiama società. Ognuno di noi è chiamato a fare, nel proprio piccolo, la propria piccola grande parte, contribuendo a rendere un capolavoro la scultura sociale in cui e di cui viviamo.

Per proporre i propri progetti a Blow Up è possibile inviare una mail all’indirizzo associazioneblowup@email.it o telefonare al numero 339/6409483.

Blow Up è anche su Facebook all’indirizzo  www.facebook.com/blowupgrottammare
L’archivio videografico dell’Associazione è disponibile nel blog associazioneblowup.wordpress.com
Sito internet: sites.google.com/site/associazioneblowup/

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 177 volte, 1 oggi)