Ingredienti per 4 persone

800 g di arista di maiale legato con spago da cucina

4 arance

due spicchi d’aglio

un ramo di rosmarino

sale, pepe nero, olio

due noci di burro (una per rosolare la carne nel tegame, una infarinata per deglassare il fondo di cottura)

un cucchiaino di zucchero

½ bicchiere di vino bianco secco

 

1. Private l’aglio della pellicina e tagliatelo in piccoli pezzi insieme agli aghi del rosmarino.

2. Grattugiate la scorza delle arance e spremetene il succo.

3. Massaggiate la carne con sale, pepe e olio e mettetela a marinare per 30 minuti insieme al trito di aglio e rosmarino, la scorza d’arancia grattugiate e il succo.

4. Scaldate il forno a 180° C. Rosolate, da entrambi i lati, la carne in padella con una noce di burro e sfumate con il vino bianco.

5. Ponete l’arista in una teglia insieme alla sua marinata e infornate. Cuocere per 45 minuti avendo cura di girare l’arrosto a metà cottura e di bagnarlo spesso con il sugo di cottura. Unire dell’acqua se il fondo si caramella troppo durante la cottura. Il maiale è cotto quando pungendolo con una forchette non fuoriesce dai fori nessun liquido rosato.

6. Avvolgere l’arrosto in carta stagnola e farlo riposare per 15 minuti.

7. Nel frattempo deglassare il fondo cottura sul fornello unendovi una noce di burro infarinata, un cucchiaio d’acqua e un pizzico di zucchero.

6. Filtrate il sughetto ottenuto. Tagliate l’arrosto finemente e servitelo con la glassa all’arancia.

 

L’abbinamento

Il sapore agrodolce di questo piatto può essere messo in equilibrio da una vino bianco di buona struttura come un Grillo siciliano.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 5.152 volte, 1 oggi)