Neve e ricadute. Un DisAppunto piccolo piccolo in tutti i sensi. Stavo ascoltando in auto Radiouno quando il conduttore della trasmissione Baobab ha chiamato la redazione del Corriere Adriatico per chiedere aggiornamenti sulla situazione meteorologica marchigiana dopo la neve di questi giorni. Al telefono il caporedattore che, dopo aver precisato che siamo l’unica regione al plurale (il conduttore Francesco Graziani ha replicato che anche le Puglie lo sono) sull’argomento scuole ha detto che nell’anconetano, nel maceratese e nel pesarese si è deciso di chiuderle a tempo determinato, a Sassoferrato invece a tempo indeterminato. Tutto lì, per lui le Marche finiscono a Civitanova. Credo che il suo direttore, sambenedettese di nascita e di cuore, dovrebbe ricordargli che il Piceno ancora esiste e non è ancora stato cancellato. Caro Paolo (Traini, Direttore del Corriere Adriatico), ti voglio bene e ci provo a stare zitto ma, per farlo, non dovrei più accendere la radio, leggere giornali o guardare il Tg3. Scusami.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.476 volte, 1 oggi)