CUPRA MARITTIMA – Si chiama Laure, ma per i nuovi amichetti è Mickaël. Si veste e si pettina come un maschiaccio, gioca calcio da Dio, mena le mani: se per fare il bagno c’è del pongo da infilare nel costumino, per coprire la sua vera identità può contare su sua sorella. L’inizio della scuola però è dietro l’angolo e il gioco dei travestimenti si complica, tanto più che i genitori sono all’oscuro di tutto.

Stiamo parlando di “Tomboy”(maschiaccio in inglese) di Céline Sciamma.

Il film sarà proiettato giovedì 2 febbraio alle 21.15 al Cinema Margherita all’interno della rassegna cinematografica I Frammenti dalla Biennale-Frammenti di Festival: uno sguardo ai film presentati al Festival di Venezia e nei più importanti festival del mondo.

La pellicola è stata presentato in anteprima al Festival di Berlino, nel febbraio 2011, in apertura della sezione Panorama.

Tra gli interpreti: Zoé Héran (Laure/Mickaël), Malonn Lévana, Jeanne Disson, Sophie Cattani, Mathieu Demy, Yohan Vero, Noah Vero, Cheyenne Lainé, Rayan Boubekri, Christel Baras, Valérie Roucher.

Tomboy sfiora il cuore, ibridando sensibilità e leggerezza, introspezione e geometrie relazionali, fino al primo privilegio dell’uomo: dare un nome alle cose, anzi, dare un nome a se stesso. “Mi chiamo Laure”, e sono un altro.” (Federico Pontiggia-cinematografo.it)

Ingressi: Intero 6 euro; ridotto 4,50; universitari 4 euro; ingresso tessera Ancci 4 euro; costo tessera(valida per l’intera stagione) 10 euro

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 143 volte, 1 oggi)