SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La spaccatura tra Marco Calvaresi e Pdl è ormai definitiva e finisce per coinvolgere pure la vicenda inerente i tagli ai trasporti ferroviari: “La Provincia ha speso 100 mila euro per i Carmina Burana e 100 mila per il Nabucco – sbotta il Presidente del Consiglio Comunale sambenedettese – poi però si scopre che nel settore turistico investirà nel 2012 appena 25 mila euro. Una presa in giro”. Perchè per Calvaresi “se si vuole vivere di turismo si devono mettere allo stesso tempo a disposizione i finanziamenti necessari”.

“Palazzo San Filippo rifaccia i conti”, prosegue non senza provocazione. “In Riviera mancano i collegamenti primari, è inutile poi andare alle fiere internazionali e parteciparvi se non possiamo offrire collegamenti dignitosi”.

Il tema treni è stato nel frattempo affrontato nel corso di una tavola rotonda in Municipio, nel pomeriggio di lunedì. Un incontro con l’amministrazione comunale a cui hanno preso parte, tra gli altri, l’onorevole Luciano Agostini e i rappresentanti politici in Regione Paolo Perazzoli, Antonio Canzian ed il dirigente del servizio Trasporti, Sergio Strali. “Sono d’accordissimo nella proposta di organizzare manifestazioni di piazza – aggiunge Calvaresi – ad Ancona devono preoccuparsi di noi. Come per la Sanità, siamo abbandonati. Non mi riferisco solo ad un disagio turistico, che ci interessa per tre mesi all’anno, ma anche ad un danno per i lavoratori e gli studenti del nostro territorio. Serve un feedback agli investimenti. Invece qui ci ritroviamo sempre a predicare da una parte e dall’altra ad offrire servizi scarsi e scadenti”.

Agostini si è reso disponibile a presentare un’interrogazione parlamentare, tuttavia la sensazione è che quasi tutto dipenda dalle volontà di Trenitalia, che avrebbe deciso di prediligere la fascia tirrenica rispetto a quella adriatica. “Così non si può andare avanti, è un’umiliazione”, sentenzia Calvaresi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 784 volte, 1 oggi)