MARTINSICURO – Riportiamo il comunicato dell’Asd Martinsicuro dopo gli scontri verificatisi a fine incontro domenica scorsa allo stadio comunale.

“In riferimento agli incresciosi episodi, che non appartengono al calcio e tanto meno allo sport, verificatisi al termine della gara di eccellenza Martinsicuro – Amiternina di domenica 29 gennaio, la Asd Martinsicuro calcio ribadisce l’amicizia con l’Amiternina calcio con cui ci si confronta con diverse categorie da oltre dieci anni dall’Eccellenza ai campionati giovanili.

Condanna, innanzitutto, l’ingiusto e inopportuno epiteto di “terremotati” usato da un singolo tifoso che è stato richiamato e redarguito da dirigenti della società che nello stesso momento si è scusata per l’episodio accaduto. Allo stesso modo la società prende le distanze dai comportamenti di alcuni tifosi del Martinsicuro, condannando categoricamente l’uso della violenza, ma tiene a precisare che alla fine della partita i tifosi dell’Amiternina non hanno avuto rispetto dell’avversario sconfitto e hanno rivolto frasi provocatorie con finalità di scontro nei confronti della nostra tifoseria: “scendete, scendete, perché non venite sotto s’è avete il coraggio”. Con questo non si vuole giustificare la reazione dei nostri tifosi, ma è prassi consolidata che la squadra vittoriosa, prima in classifica, non abbia un comportamento provocatorio e derisorio nei confronti di una squadra di bassa classifica, soprattutto dopo averla sconfitta in casa propria perché lo scontro sarebbe inevitabile.

In relazione al tema del terremoto, si ricorda che l’inaugurazione del nuovo impianto avvenuto il 9 settembre del 2009 è stato fatto con un’amichevole con L’Aquila calcio al cui settore giovanile è stato interamente devoluto l’incasso della partita. La nostra cittadina in un momento di grande sofferenza per il popolo aquilano ha aperto loro camping, alberghi e case, e questo a testimoniare la vicinanza a quanti hanno e stanno soffrendo.

Come società siamo i primi a condannare quanto avvenuto tra tifosi sotto la gradinata dove sembra, la tifoseria martisicurese sia stata chiamata allo scontro. Noi abbiamo come obiettivo più importante quello di insegnare ai ragazzi i giusti valori, simili situazioni ci arrecano un danno enorme.

Le due sconfitte subite con l’Amiternina, squadra leader della classifica, certamente non ha fatto esasperare gli animi, visto che in questo campionato abbiamo subito 17 sconfitte e quindi siamo vaccinati alla sconfitta, ma dopo le traversie societarie dell’estate scorsa il nostro scopo è quello che la società esista e non scompaia dopo 46 anni di storia. Siamo pronti ad un’eventuale ma degna retrocessione, che cercheremo fino alla fine di evitare, con l’unico scopo di mantenere in vita un valido settore giovanile e una scuola calcio qualificata, a cui fanno fede circa 200 ragazzi.

Sicuramente, le provocazioni, da entrambi gli schieramenti, culminate con le parole di un giocatore dell’Amiternina rivolte all’allenatore del Martinsicuro “Quello che io guadagno in un mese tu lo guadagni in 10 anni”, generandone la reazione e l’espulsione, hanno ancor più acceso gli animi dei tifosi.

Infine, le eventuali responsabilità saranno accertate dagli organi preposti, ma si consiglia agli organi di informazione prima di emettere sentenze, di avere l’accortezza di verificare i fatti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 773 volte, 1 oggi)