tutte le notizie sullo stoccaggio www.rivieraoggi.it/gas-plus

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Noi, ve l’avevamo detto. Sembra il ritornello di un vecchio cartone animato, ma è il refrain che anima il Movimento Cinque Stelle dopo la relazione di Terre.it in merito al progetto di Gas Plus e Gaz de France sullo stoccaggio a San Benedetto, quartiere Agraria: “Che lo stoccaggio era pericoloso, ve l’avevamo detto”.

Non senza qualche autocritica iniziale (“Abbiamo constatato che i nostri dubbi su Terre.it si sono dimostrati infondati, ma essendo stato commissionato in modo discutibile all’Unicam da un’amministrazione che per mesi non ha dimostrato una vera volontà di affrontare l’argomento, si temeva infatti che producesse un risultato inconsistente o peggio un responso positivo al progetto delle multinazionali Gas Plus e Gas de France Suez”), il coro dei grillini però è quasi entusiasta: “I risultati esposti hanno evidenziato gravi lacune nella documentazione del progetto di stoccaggio gas e criticità insormontabili per la salute e la sicurezza dei cittadini”.

“Ovviamente grande soddisfazione proviene dalle conferme che Terre.it ha dato a tutte le contestazioni tecniche che il MoVimento 5 Stelle espone sin dal 19 gennaio 2011 (clicca per vedere il video integrale di RivieraOggi.it), data della prima conferenza pubblica sull’argomento con gli interventi di Peppino Giorgini, Maria Rosa Ferritto e Andrea Mattioli – scrivono – Il nostro è stato un parere contrario che abbiamo mantenuto durante tutte le successive conferenze informative nei quartieri di San Benedetto del Tronto, di Grottammare e di Monteprandone, integrando continuamente la documentazione e approfondendo le questioni. E’ grazie a questo continuo impegno che si è riusciti ad arrivare il 16 novembre al famoso “consiglio comunale No gas”, in cui finalmente l’amministrazione affrontava la questione e si impegnava a rispettare quanto il sindaco aveva promesso sin dal 19 gennaio 2011: ottenere una valutazione indipendente del progetto “San Benedetto Stoccaggio”.

La politica cittadina naturalmente ora apre una nuova fase: “Ed è proprio al sindaco Giovanni Gaspari che ricordiamo la promessa che da un anno fa ai sambenedettesi: “Se anche un solo dubbio dovesse rimanere, io mi opporrò all’impianto!”. Ecco sindaco, quale dubbio o rischio sceglie fra tutti quelli posti da Terre.it per dire finalmente no alla centrale di stoccaggio gas a San Benedetto del Tronto? Ci sono delle domande da porre agli assessori comunali e a tutti i consiglieri comunali (destra e sinistra) di questa amministrazione ma anche di quella precedente. A che punto ci troveremmo adesso senza l’impegno costante e caparbio di cittadini come Peppino Giorgini? A che punto ci troveremmo adesso se avessimo lasciato la questione nelle vostre mani?”

“Siamo ad un giro di boa, dopo un anno di lavoro possiamo fare un primo bilancio. Ci hanno accusato di sfruttare lo stoccaggio per fare campagna elettorale, di fare terrorismo mediatico, di cavalcare la questione per aumentare la nostra visibilità politica, ultimamente ci hanno definito addirittura degli “arrufapopolo”. I fatti hanno dimostrato a tutti che noi lavoriamo per il bene di San Benedetto del Tronto” conclude il Movimento Cinque Stelle.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 357 volte, 1 oggi)