SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Il circolo dei Giovani Democratici Val Vibrata aderisce all’iniziativa “L’Italia sono anch’io”, la raccolta firme per la presentazione della legge di iniziativa popolare, promossa da 19 associazioni della società civile (dalle Acli all’Arci, dalle sigle sindacali al Tavolo della pace), con la quale concedere la cittadinanza italiana ai bambini nati in Italia da genitori immigrati e il diritto di voto alle amministrative, dopo 5 anni di permanenza regolare nella penisola, agli extracomunitari.

I Giovani Democratici allestiranno domenica 22 gennaio a Sant’Egidio alla Vibrata, in piazza Umberto I, un banchetto per la raccolta firme dalle ore 9 alle 12.30.

“Questa è, innazitutto, una campagna di civiltà, prima che di democrazia – si legge in una nota – Con l’obiettivo di perseguire l’equità e l’estensione dei diritti, i GD intendono promuovere la cultura dell’integrazione, l’unica medicina per curare la xenofobia, che spesso si manifesta in tragici eventi di intolleranza, come quello accaduto a Firenze poco più di un mese fa.

Molto spesso – prosegue la nota – i bambini nati da genitori stranieri in Italia acquisiscono, grazie anche all’istruzione scolastica, un legame più forte con la Penisola che con la nazione d’origine della propria famiglia: un fenomeno, questo, che nei prossimi anni tenderà ad aumentare e del quale non possiamo non tener conto. La concessione, infine, del diritto di voto alle amministrative a chi regolarmente vive, lavora ed usufruisce dei servizi dello stato sociale italiano da 5 anni, significa una sola cosa: “democrazia”. Proprio la democrazia occidentale, infatti, si basa sul principio che chi contribuisce al benessere di uno Stato deve avere il diritto di scegliere da chi essere governato”.

I Giovani Democratici invitano i cittadini a recarsi a firmare domenica a Sant’Egidio “per un’Italia migliore e più democratica”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 87 volte, 1 oggi)