CORROPOLI – “Il Teatro della Memoria”, due giornate dedicate al tema dell’Olocausto, organizzate e promosse dall’Associazione culturale Parnassos e dal Consorzio Turistico Costa dei Parchi.
In occasione della Giornata della Memoria, giovedi 26 e venerdi 27 gennaio, la manifestazione sarà ospitata nella sala convegni della Badia di Corropoli, monastero di Santa Maria in Mejulano, luogo scelto perché destinato, durante la seconda guerra mondiale, a essere un campo di internamento.
Una serie di incontri, introdotti dal sindaco di Corropoli Umberto D’Annuntiis, occuperanno in particolare il chiostro del monastero, allestito da Elvira Masi con una mostra collettiva di artisti, tra cui Tiziana Cianciarelli con le sue sculture leggere, il fotografo Adriano CelliniYehonatan Pelles e Francesco Rubini, maestro orafo della filigrana abruzzese.
Il ricco programma sarà inaugurato dall’incontro tra alcune classi degli Istituti Superiori della Val Vibrata e alcuni testimoni che hanno vissuto l’olocausto, come Alberto Mieli, un ebreo romano che a 17 anni, il 10 aprile del 1944, ha vissuto l’incubo di essere deportato nel campo di concentramento di Auschwitz.
Interverranno inoltre anche il senatore Antonio Franchi, presidente dell’ANPI “Manfredo Mobili“ di Teramo, che parlerà della resistenza partigiana concentrandosi sugli eventi legati ad alcuni luoghi abruzzesi come Bosco Martese; lo storico Tito Rubini che presenterà la figura del vignettista americano Saul Steinberg, internato nel ’41 a Tortoreto Stazione, l’attuale Alba Adriatica, all’interno dell’edificio conosciuto oggi come Villa Tonelli.
La seconda giornata, quella del 27 gennaio, prevede invece, a partire dalla 21, la proiezione dell’incontro tra Mieli e gli studenti, registrato il giorno prima, preceduta dagli interventi degli altri relatori e accompagnata da intervalli di musica klezmer, proposti da una band insieme a tipiche sonorità del popolo ebraico dell’est.
Un evento di sensibilizzazione per gli studenti e per tutti quelli che parteciperanno, per non dimenticare uno dei più grandi orrori messi in atto dall’umanità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 226 volte, 1 oggi)