TERAMO – Venerdi 27 gennaio 2012, alle 17, l’associazione culturale Teramo Nostra, col patrocinio della casa editrice Artemia edizioni di Mosciano Sant’angelo, ospiterà nella sua nuova sede, in Via Fedele Romani 1, a Teramo, la presentazione del volume di Alfonso Sardella, “Tutte li puesìje (L’ùddeme landò vâche artruvenne)”. Edizione critica (postuma), con commenti, note e traduzione italiana a fronte a cura del Prof. Elso Simone Serpentini.

Sardella (Teramo, 27 aprile 1937 – Teramo, 27 gennaio 2010) è uno dei maggiori esponenti della cultura popolare e dialettale teramana, erede dei grandi Luigi Brigiotti e Guglielmo Cameli.
Attraverso la sua poesia, espressione del suo animo e della sua sensibilità, è riuscito a rappresentare la popolarità e l’anima teramana senza cadere in una visione esclusivamente macchiettistica della vita.
L’edizione critica curata da Elso Simone Serpentini riconosce il valore culturale di trent’anni di pubblicazioni: 1978, “L’ùddeme landò” – poesie in vernacolo, (Ce.Ti., Teramo); 1981, “Vâche artruvènne” – poesie in vernacolo, (Cartografital, Montesilvano); 1987, “Fiore de cecùte” – prima raccolta di acquerelli della vecchia Teramo, (Edigrafital, Teramo); 1990, “Voce de pòpule” – proverbi e modi di dire nell’Abruzzo teramano, (Tipografia 2000, Mosciano S. Angelo); 1994, “Sorrisi di ginestre” – poesie in lingua, (Demian Edizioni, Teramo); 1996 “Fiore de cecùte” – seconda raccolta di acquerelli della vecchia Teramo, (Tipografia 2000, Mosciano S. Angelo); 2001 “Lu languazàzze” – raccolta di vocaboli dialettali teramani, (Tipografia 2000, Mosciano S. Angelo); 2005 “Fiore de cecùte” – terza raccolta di acquerelli della vecchia Teramo, (Tipografia 2000, Mosciano S. Angelo); 2009 “Voce de pòpule” – proverbi e modi di dire nell’Abruzzo teramano – Edizione riveduta e accresciuta a cura di Elso Simone Serpentini e Silvano Toscani (Artemia Edizioni, Mosciano S.A.).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 284 volte, 1 oggi)