SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ stato siglato nella mattinata di giovedì 19 gennaio, il verbale di consegna dei lavori di sistemazione della condotta fognaria di piazza San Giovanni Battista che consisteranno nella realizzazione di un nuovo impianto di smaltimento delle acque bianche con la finalità di limitare gli allagamenti.

Al momento della firma erano presenti l’ingegner Nicola Antolini del comune che ha progettato l’intervento, il signor Giovanni Carriero, delegato dell’impresa che si è aggiudicata l’appalto, l’ingegner Giulio Felicetti della CIIP, responsabile unico del procedimento oltre all’assessore ai lavori pubblici Leo Sestri.

Dopo una serie di consultazioni, iniziate a dicembre, tra i tecnici del settore progettazione e manutenzione opere pubbliche del comune, della Ciip e ditta Cgm srl di Atella in provincia di Potenza che si è aggiudicata l’appalto, per risolvere diverse questioni pratiche inerenti un cantiere di queste dimensioni, questa mattina è stato anche stabilito un cronoprogramma.

La ditta ha assicurato l’inizio dei lavori nei primi giorni di febbraio quando gli scavi partiranno dall’area portuale all’altezza della banchina di riva sud e procederanno in linea retta attraverso via Marin Faliero superando viale Marinai d’Italia, via Cristoforo Colombo e via Dari per giungere nel giro di tre mesi al “pontino lungo”. Successivamente i lavori si sposteranno ad ovest della ferrovia, in via Calatafimi fino all’incrocio con via Roma.

L’intervento, il cui costo complessivo è di 1.045.000 euro, dovrà compiersi entro 365 giorni. Durante tutto il periodo saranno previste modifiche temporanee alla viabilità per permettere alla ditta di operare in sicurezza e per non creare problemi agli automobilisti che dovranno percorrere i tratti interessati dai lavori.

L’assessore Sestri ha sottolineato la splendida intesa raggiunta tra gli staff tecnici di comune, Ciip e impresa appaltatrice ed ha evidenziato come questo sia “un primo intervento importante per la zona che, seguito da altri interventi di sistemazione dei sottoservizi fognari, potrà contribuire in modo significativo a ridurre l’annoso problema degli allagamenti che flagellano piazza San Giovanni Battista e le vie limitrofe, cioè la zona più bassa della città rispetto al livello del mare”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 294 volte, 1 oggi)