SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Eldo Fanini è sempre più solo. La sua proposta di un premio in denaro a chi dovesse segnalare alle forze dell’ordine l’identità dei responsabili dei sempre più crescenti graffiti in città viene severamente bocciata da Sinistra Ecologia e Libertà. Pur non essendo presente in Consiglio Comunale, i vendoliani rivendicano un ruolo in maggioranza e condannano la fuga in avanti autonomo dell’esponente dell’Italia dei Valori: “La sua è una cavolata – tuona il coordinatore comunale Tommaso La Selva – non so come mai Fanini abbiamo detto certe cose. E’ un’idea becera e populista; non siamo intervenuti prima perchè speravamo finisse subito nel dimenticatoio. Così purtroppo non è stato”.

Sel spiega quindi che “anche se a nessuno fa piacere ritrovarsi la facciata di casa o un monumento imbrattato”, le emergenze sono altrove: “Le vere preoccupazioni sono il lavoro che manca, l’inquinamento, l’allarme delle polveri sottili. Noi siamo un’amministrazione di sinistra; da certe uscite dobbiamo smarcarci, non si possono accettare. La questione dei murales si protrae da anni; perchè tirarla fuori ora, in maniera talmente brutale, oltretutto?”.

Sul tema dice nel frattempo la sua pure Giacomo Massimiani, consigliere comunale della civica San Benedetto per Gabrielli: “Pur condividendo a pieno la tutela della legalità ed il contrasto a tutto ciò che lede il decoro urbano di una città a vocazione turistica, chiedo allo stesso tempo garanzie e spazi per la libera espressione artistica dei giovani che fanno dei murales una forma di autentica e libera espressione artistica. In tal modo, anziché cadere in una visione meramente repressiva del fenomeno, si consentirà ai gruppi giovanili di isolare spontaneamente coloro i quali intendono i graffiti come semplici atti di vandalismo e danneggiamento i cui costi, è bene ricordarlo, ricadono sulla collettività”. Conclude: “Toglieremo in questo modo ogni alibi ai vandali e affiancheremo alla doverosa tutela del decoro urbano la mano tesa dei sambenedettesi ai giovani che vogliono esprimere in maniera sana la loro creatività senza danneggiare le proprietà altrui e rispettando la libertà di tutti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 436 volte, 1 oggi)