MARTINSICURO – Lampioni ancora spenti sulla rotatoria nei pressi del ponte sul Tronto, con la zona che resta al buio ormai da diversi mesi, nonostante il nuovo impianto di illuminazione. A segnalare il disagio è Città Attiva che chiama in causa sia l’amministrazione Di Salvatore, per avere delucidazioni in merito, che la Pubbliluce, per i rincari nel costo del servizio di pubblica illuminazione.

“Se in passato – scrive Città Attiva in una nota – abbiamo posto l’accento su alcune criticità che si verificavano nelle vie interne di Martinsicuro (risolte, peraltro, molto oltre i tre giorni contrattualmente previsti), questa volta il riferimento è ai lampioni che dovrebbero illuminare la rotatoria a ridosso del nuovo ponte stradale sul Tronto inaugurato lo scorso 22 ottobre”.

Ad una richiesta specifica inoltrata da Città Attiva ai primi di novembre e successivamente ai primi di dicembre, gli uffici comunali hanno risposto che a causa di “lungaggini burocratiche” l’accensione dei lampioni sulla rotatoria sarebbe slittata da fine 2011 ai primi mesi dell’anno nuovo.

“Ci piacerebbe sapere – proseguono i consiglieri – quali possano essere le lungaggini burocratiche che impediscono di fatto l’accensione definitiva dei predetti lampioni, dando luogo ad una paradossale situazione di oscurità che non si addice certo ad un’opera costata 12 milioni di euro (il vicino ponte sul Tronto, ndr), oltre a favorire il passeggio indisturbato di alcune prostitute che arrivano ad appostarsi anche a ridosso delle abitazioni a nord ovest della città”.

Il buio nella zona infatti, non solo favorisce la presenza di prostitute nei pressi dell’incrocio sulla provinciale 1, ma mette anche a rischio, sia sulla rotatoria che sul ponte, il transito di pedoni e biciclette.

Il gruppo sollecita interventi tempestivi affinchè sulla rotatoria venga attivato l’impianto di illuminazione.  “E’ necessario – conclude la nota – che il problema, segnalato anche da diversi cittadini, venga affrontato e risolto definitivamente (ricordiamo che la spesa annua per l’affidamento esterno della pubblica illuminazione è arrivata a 458.000 euro); come pure è indispensabile un controllo più incisivo da parte delle forze dell’ordine che tenga conto anche di quel che accade in quella zona”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 749 volte, 1 oggi)