SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel Piceno è allarme lavoro, con il 2011 che ha fornito dati decisamente allarmanti. In tutta la provincia sono stati infatti 4.400 i disoccupati con requisiti ridotti, ovvero i precari (l’anno prima il dato si fermava a 3.700), mentre nel campo della disoccupazione ordinaria da 4.800 del 2010 si è arrivati a 4.900. La somma tra requisiti ridotti, disoccupazione ordinaria e mobilità tocca invece ben 10.100 soggetti. “Aumentano allo stesso tempo i tirocini e i voucher, categorie queste senza ammortizzatori sociali”, denuncia Francesco Vagnoni della Cgil, che insieme agli altri rappresentanti dei sindacati cittadini (Cisl, Uil, Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil) ha ratificato il protocollo d’intesa col Comune su Bilancio e Servizi Sociali.

“Siamo preoccupati, ma non spaventati”, dichiara l’assessore alla Finanze, Fabio Urbinati. “Abbiamo avviato un percorso di condivisione. In tre mesi faremo il punto della situazione. L’intento globale è quello di creare un tavolo di monitoraggio, coinvolgendo pure il settore bancario radicato nel territorio. Come amministrazione daremo un sostegno concreto a coloro che vorranno mettersi in proprio o lanciare nuove attività. Proveremo ad avvantaggiarli”.

Pensieri e parole che trovano d’accordo anche l’assessore al Sociale, Margherita Sorge, che rassicura i sambenedettesi: “Non sono stati tagliati i servizi, ma solo razionalizzati. Questo campo è quello più idoneo alla flessibilità”.

Ciò non basta tuttavia a Francesco Fabiani (Uil): “E’ vero che i servizi sono coperti, però non sono sufficienti. Desidereremmo che si facesse pagare di più a chi ha di più. Adesso non è così”.

Ma cosa prevede l’accordo? Innanzitutto di “mantenere inalterata l’aliquota della Tarsu, al netto dell’adeguamento all’indice Istat, con l’impegno di aumentare significativamente, nel corso dell’anno 2012, la percentuale della raccolta differenziata fino al 50%”. Ed ancora “di mantenere inalterato il costo dei servizi a domanda individuale, per il quale il Comune si impegna a garantire che lo stesso abbia carattere di equità e di progressività, prevedendo anche tariffe agevolate o gratuite per particolari situazione di disagio economico e sociale e di prevedere l’esenzione del pagamento dell’addizionale comunale Irpef per i nuclei familiari con almeno quattro figli a carico e con reddito Isee non superiore a 10.632,92 euro”.

NON SOLO TURISMO Una tesi comunque mette d’accordo tutti: “Lo sviluppo non potrà arrivare solo dal turismo. Tre mesi l’anno non bastano più. Una volta c’era la pesca, oggi su quel fronte ci siamo indeboliti”. Pertanto la Sorge rispolvera un vecchio ritornello: “Destagionalizzazione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 452 volte, 1 oggi)