per vedere il video clicca sulla destra

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si ribella alle decisioni arbitrali il tecnico dell’Atletico Trivento Angovino e giudica “incoerente” il suo avversario, Palladini, quando considera “meritata” la vittoria in casa.

Dopo l’ira del molisano, chiaramente espressa in sala stampa a seguito dell’ultimo incontro, l’allenatore rossoblu risponde con diplomazia: “Capisco il rammarico di Angovino perchè la sua squadra ha disputato una buona partita ma se vediamo le occasioni create soprattutto dopo l’1-1, penso che la nostra vittoria sia più che meritata. Non so perchè mi abbia dato dell’incoerente – continua –  Stavo andando a stringergli la mano per fargli i complimenti e invece ha mandato a quel paese prima a Pazzi e poi me. A quel punto l’ho invitato a tornare dentro e a lasciar perdere”.

Nel frattempo il campionato prosegue e la squadra si allena in vista del prossimo incontro che verrà disputato fuori casa contro la Vis Pesaro. Dopo il pareggio ottenuto l’11 settembre scorso, molte cose sono cambiate: “Incontreremo una squadra ben organizzata – afferma mister Palladini – Sarà una partita diversa rispetto a quella che abbiamo visto all’andata. Da allora siamo cresciuti tantissimo e sono arrivati nuovi giocatori”.

E a proposito dei nuovi arrivi il tecnico rossoblu spende parole sul nuovo centrocampo, considerato all’inizio del campionato zona debole: “Carteri, Carpani e Oretti sono giocatori che danno sostanza. Sicuramente tener fuori Puglia non è facile come del resto non è semplice lasciare in panchina Voinea, Donzelli ed altri ancora”. Riguardo l’attacco, Palladini dice “che abbiamo un tridente che dobbiamo supportare, ora Di Vicino sta giocando più avanti, per questo scegliamo Oretti alle spalle che è un giocatore di corsa, Di Vicino gioca molto la palla tra le linee e magari perde un po’ nel dinamismo ma ha altre doti”.

E al ritorno di Rulli? “Si tratta di un giocatore importante – sostiene il tecnico – Avrà bisogno di tempo per ritrovare la sua condizione. Attualmente stiamo giocando con due esperti e un giovane. Per questo motivo al suo rientro, essendo un over, se la vedrà con Carteri e Oretti. A livello tattico, per supportare Pazzi, Napolano e Di Vicino, è comunque necessario avere un centrocampo robusto”.

Una Samb che accorcia le distanze e si avvicina sempre di più alla capolista. Una possibilità che fino al mese scorso è stata considerata una pura utopia. Tuttavia Palladini non si lascia persuadere e resta con i piedi per terra: “Non ci pensiamo. Dobbiamo continuare a fare sempre meglio cercando di migliorare dove si può. Il nostro obiettivo è quello di fare il massimo. Se le altre rallentano noi saremo lì

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 839 volte, 1 oggi)