SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sandro Rocchetti è sempre più vicino alla presidenza della Riserva Sentina. L’ex assessore all’Ambiente al Comune di Ripatransone si è incontrato nella mattinata con il sindaco Gaspari, per un primo summit al quale ha preso parte pure il verde Andrea Marinucci, da sempre sostenitore della riconferma dell’uscente Pietro D’Angelo.

“Abbiamo ribadito ancora una volta che siamo per la continuità”, afferma l’esponente del Sole che ride. “D’Angelo ha fatto molto per la Riserva, riuscendo a portare a San Benedetto innumerevoli finanziamenti dalla Regione”.

Una presa di posizione quasi sicuramente inutile, che difficilmente riuscirà a mutare le intenzioni del primo cittadino, pronto a far valere su richiesta dell’ìntero Partito Democratico le ragioni di un movimento uscito – a detta dei diretti interessati – penalizzato dalla composizione della giunta, lo scorso giugno.

Gianluca Pasqualini, considerato per diversi mesi il favorito alla successione di D’Angelo, è parso chiaro: “Questa poltrona spetta al Pd, c’è bisogno di un riequilibrio”. Un ritornello noto da mesi, pronunciato in serie da ogni democrat chiamato in causa sull’argomento: “Le elezioni ci hanno eletto primo partito della città, tuttavia l’attuale squadra di governo dice altro”. Ecco dunque la volontà di nominare Rocchetti,da sempre militante nel partito. Se ne riparlerà la settimana prossima, in un secondo faccia a faccia che, a questo punto, si preannuncia decisivo. Anche se la scelta di Gaspari pare ormai compiuta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 413 volte, 1 oggi)