SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dove c’è lui non c’è il Pdl, dove c’è il Pdl non c’è lui. La storia recente di Luca Vignoli si potrebbe sintetizzare così. Anche se in merito all’assenza all’ultima conferenza stampa di partito, l’ex assessore al Bilancio conferma la versione ufficiale: “Ero davvero impegnato con la famiglia, tuttavia – precisa – non posso negare che ci siano in ballo delle questioni da chiarire con alcuni esponenti in Consiglio. E certe questioni pesano”. Chiaro, nonostante non venga fatto il nome, il riferimento a Pasqualino Piunti, con il quale i rapporti si sono completamente interrotti all’indomani delle elezioni regionali del 2010, quando fu alta la sensazione di boicottaggio ai propri danni.

In ogni caso Vignoli sposa la battaglia del redivivo movimento azzurro: “Sulla centrale del gas la mia contrarietà arriva da lontano, sono stato sempre molto chiaro e penso di essere stato il primo ad affrontare il tema. Idem per la battaglia all’amministrazione Gaspari”.

Per il Pdl sarà comunque un mese caldo, considerato il congresso provinciale previsto per fine gennaio. A ruota seguirà quello comunale ed entrambi saranno i primi dalla fondazione della creatura berlusconiana. “Preferirei – confessa Vignoli, andando un po’ contro ai desideri di Bruno Gabrielli – dei congressi non unitari, bensì capaci di ospitare confronti veri, aspri, ma leali. Quelli che non lo sono non mi piacciono”. Il consigliere comunale fa dunque un salto indietro con la memoria: “Nel 2002 ne ricordo uno di Alleanza Nazionale, si delineò una lotta terribile, ma fu costruttivo. Senza dimenticare che l’affluenza fu altissima, mentre quando non ci fu discussione la partecipazione lasciò a desiderare”.

Sulla poltrona provinciale il Pdl sponsorizzerà un uomo della costa. Che sia Andrea Assenti? “Non lo so, vedremo”, conclude Vignoli, che aggiunge: “Potrebbe essere un bravo segretario, ma nel caso venisse nominato dovrebbe lavorare molto più di quanto abbia fatto come segretario comunale”. Della serie: è intelligente, ma non si applica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 497 volte, 1 oggi)