ALBA ADRIATICA – Il ricovero in ospedale la giustificazione addotta per l’assenza da casa, dove doveva scontare un regime di sorveglianza speciale, ma l’inganno viene scoperto dai Carabinieri e scatta la denuncia. Danilo Levakovic, il rom già coinvolto nell’omicidio Fadani (poi assolto) è di nuovo incappato in guai con la giustizia. Il giovane doveva scontare una serie di misure di sorveglianza speciale per precedenti reati ma quando i Carabinieri di Alba Adriatica si sono recati nella sua abitazione ad Alba Adriatica per i soliti controlli, non lo hanno trovato in casa. Un parente come giustificazione ha addotto un malore per il quale il giovane si era recato in ospedale. I militari hanno effettuato verifiche in tutti i nosocomi del teramano e delle vicine Marche ma in nessuno risultava il ricovero del rom. Successivamente rintracciato, il giovane è stato denunciato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 198 volte, 1 oggi)