GROTTAMMARE – Duecentocinquantamila contatti al mese. Un portale sull’eleganza, lo charme, lo stile di vita. Il sito è molto amato, tanto cliccato soprattutto dai newyorkesi e si chiama Italianliving.com . Si parla solo ed esclusivamente dell’Italia. Ora anche del Piceno.

Galeotto (ovviamente si fa per dire) fu l’incontro tra il consigliere provinciale Raffaele Rossi in missione all’Enit (Agenzia Nazionale del Turismo) di New York , con la giornalista americana e scrittrice di libri sulla cucina italiana, Francine Segan, nell’ottobre del 2010.

Rossi le aveva strappato una promessa, la Segan avrebbe dovuto prima o poi visitare il Piceno.

Ebbene la giornalista a inizio novembre di quest’anno, trovandosi in Piemonte per lavoro insieme al marito, ha chiamato il consigliere mantenendo così la parola data.

È cominciato così il tour enogastronomico per il Piceno. La giornalista ha soggiornato al Palazzo Guiderocchi di Ascoli Piceno, a Villa Picena di Colli del Tronto e all’Hotel Roma di Grottammare; le strutture l’hanno gentilmente fatta ospite.

Nel sito  il viaggio alla scoperta delle nostre tipicità locali (leggi articolo) è strutturato come un diario. La Segan parla dei vini che ha amato come il Kurni, il pecorino spumantizzato di Ciù Ciù, le Visciole di Velenosi e le cantine  di Malavolta e Carminucci.

Nel suo articolo la giornalista sottolinea anche la meraviglia che ha provato nel visitare una azienda vinicola come quella di Domodimonte.

Poi fa un elenco delle tipicità culinarie che più ha apprezzato come il brodetto sambenedettese (che ha imparato a cucinare grazie ai ragazzi dell‘Ipssar), le olive all’ascolana, i maccheroni di Campofilone, il chichiripieno e i funghetti offidani.

Un viaggio tra Cupra e Montefiore, Offida, Acquaviva ed Ascoli Piceno, di cui s’innamora dei borghi storici. Ma ciò che l’ha colpita più di tutti è stato il Paese Alto di Grottammare, tanto da inserire la fotografia di un suo scorcio addirittura nella home page del portale.

“Vorrei precisare- commenta Rossi- che alla comunità la permanenza della Segan e la conseguente promozione del territorio nel portale non è costato nulla. Anzi ringrazio tutti coloro che l’hanno ospitata. La collaborazione non finisce qui: il 17 aprile nell’importantissimo centro culturale newyorkese, il 92Y , verrà presentato il Piceno enogastronomico”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 291 volte, 1 oggi)