www.rivieraoggi.it/gas-plus

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si parte. Si è tenuta nel pomeriggio di ieri, mercoledì 14 dicembre, la prima riunione organizzativa del Comitato tecnico-consultivo per la valutazione e il monitoraggio del progetto di realizzazione dell’impianto di stoccaggio di gas naturale in zona Agraria.

Alla riunione hanno partecipato il sindaco Giovanni Gaspari, l’assessore all’Ambiente Paolo Canducci, l’assessore alla Trasparenza Luca Spadoni, i rappresentanti dei partiti, sia quelli presenti in Consiglio comunale (per il Pd Loredana Emili, Pdl Bruno Gabrielli, Lista Gabrielli Giacomo Massimiani, Verdi-Socialisti Andrea Marinucci, Movimento Cinque Stelle Maria Rosa Ferritto, Idv Palma Del Zompo, Udc Domenico Pellei, Città Aperta Roberto Bovara, Prc Daniele Primavera), i tecnici Gianni Agostini e Giustino Zazzetta, il perito chimico e geologo Giuseppe Cappelli, il geologo Primo Falcioni, che hanno manifestato la disponibilità gratuita a partecipare, i presidenti dei comitati di quartiere (Agraria Andrea Traini, Albula centro Luciano Calabresi, Europa Ilario Persiani, Fosso dei Galli Ersilia Luciani, Ponterotto Andrea Sanguigni, Porto D’Ascoli centro Elio Core, Ragnola Gianni Siliquini, Salaria Adamo Scartozzi, Sant’Antonio Giorgio Fede), il presidente della Riserva Sentina Pietro D’Angelo e i rappresentanti delle associazioni ambientaliste (Enny Caponi e Stefano Quevedo per Lipu, per l’associazione Sentina Sabrina Marinucci e Silvia Camaiani, per il Cai Pino Marcucci, per Legambiente Sisto Bruni).

All’inizio della riunione i tecnici dell’Ufficio sviluppo del territorio e dell’Ufficio ambiente hanno consegnato alla commissione un cd contenente i due progetti che la ditta Gas Plus ha elaborato e che, si è deciso, verranno pubblicati nei prossimi giorni sul sito del Comune insieme ai contatti e alle referenze della ditta “Terre.it s.r.l.”, spin-off dell’Università degli Studi di Camerino, a cui è stato affidato l’incarico di collaborazione finalizzato al supporto tecnico-scientifico ai lavori della commissione.

Massima la disponibilità da parte di tutti i presenti ad impegnarsi per un obiettivo comune: informarsi per informare la cittadinanza sull’impatto ambientale dando informazioni tecnicamente valide e convalidate dagli studi condotti dall’Università di Camerino. E’ anche stata avanzata la proposta di allargare il comitato ai referenti della Provincia di Ascoli Piceno, dei Comuni di Monteprandone, Martinsicuro, Grottammare, Colonnella e ad altri tecnici interessati alla questione.

Una delle prime azioni che il Comitato realizzerà consisterà nel chiedere alla Regione Marche uno studio su quali sono le ricadute ambientali di insediamenti analoghi a quello che potrebbe essere realizzato a San Benedetto.

Nel corso della riunione i comitati di quartiere hanno comunicato i due referenti delegati (Luciano Calabresi ed Elio Core) e due referenti supplenti (Andrea Traini e Adamo Scartozzi). Nei prossimi giorni anche le associazioni ambientaliste individueranno due nomi coinvolgendo anche il comitato civico “Salute in Val Vibrata”.

Al termine dell’incontro si è anche concordato che la riunione del 23 dicembre con i tecnici della Gas Plus si terrà in sala consiliare alle ore 12.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 315 volte, 1 oggi)