COLONNELLA – “Servizi igienici, pneumatici, materassi, mobili più disparati, elettrodomestici, un tavolo da biliardo, ferraglia varia, dolciumi e altro ancora. Porta Portese? Mercatino dell’usato? No, niente di tutto ciò. Semplicemente – purtroppo – sono gli oggetti, decisamente malandati, che offrono le discariche abusive presenti sul territorio di Colonnella”. Sono impietose le foto scattate nella zona industriale di Vallecupa dal gruppo di minoranza Insieme per Colonnella, con cui viene documentato un territorio abbandonato a se stesso.

Il problema delle discariche abusive disseminate lungo le strade persiste nella zona, nonostante l’attuale amministrazione avesse fatto della pulizia e del decoro cittadino il proprio cavallo di battaglia in campagna elettorale. “Nonostante i comunicati stampa elettorali di Pollastrelli – denuncia la consigliera Graziella Cecchini – e nonostante nell’ultimo consiglio comunale abbia dichiarato di aver ripulito il territorio da tonnellate di spazzatura abusiva, Colonnella è piena di rifiuti. E pensare – aggiunge – che Pollastrelli ci criticò, nell’aprile scorso, perché nel nostro Comune era presente un sito momentaneo di stoccaggio dei beni rovinati dall’alluvione del mese precedente! Il sito, che era stato consigliato da Regione e Protezione Civile per far fronte all’emergenza, venne poi smantellato”.

A preoccupare il gruppo di minoranza è in particolar modo la presenza di lastre di amianto – altamente cancerogene – abbandonate in un fosso, la cui rimozione deve essere affidata a ditte specializzate. “I proclami dell’amministrazione Pollastrelli sono bugie – conclude la Cecchini – la nostra bella Colonnella è oggi rovinata dalla grande quantità di spazzatura abbandonata sul territorio. Non esagero nel dire che tutto ciò è una vergogna. Purtroppo, l’eliminazione delle discariche abusive è un’altra bugia del sindaco-pinocchio”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 465 volte, 1 oggi)