SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Alle ore 1.45 di sabato 10 dicembre una volante del Commissariato diretto da Filippo Stragapede,  si recava presso il bar “Ippogrifo”, nel centro di San Benedetto, dove vi era la presenza di un cittadino extracomunitario ubriaco, Youssef Tahiri, marrocchino, che infastidiva gli avventori e il gestore del locale. Nonostante avesse raggiunto il bar completamente ubriaco chiedeva che gli venissero serviti alcolici, istanza che vedeva il netto rifiuto del gestore del bar.

All’arrivo degli agenti lo stesso creava molte difficoltà per essere identificato. Dall’interrogazione ai terminali si accertava che era colpito da provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto della Provincia di Verona del 3 novembre 2011.

Gli agenti lo invitavano a salire sull’auto di servizio ma Tahiri si rifiutava iniziando ad inveire contro i poliziotti proferendo parole molto pesanti e volgari al loro indirizzo.

Una volta in Commissariato il soggetto tentava di darsi alla fuga afferrando anche le poltroncine presenti in Ufficio tirandole contro gli operanti sempre allo scopo di guadagnare l’uscita.

La resistenza opposta costringeva alla fine gli agenti ad arrestarlo per resistenza a pubblico ufficiale e  veniva quindi trasferito al carcere di Marino a disposizione  del Sostituto Procuratore della Repubblica Piccioni. Inoltre il Tahiri veniva denunciato per l’articolo 14 del Testo Unico sull’Immigrazione in quanto inottemperante all’ordine di espulsione dal territorio nazionale.

La Sezione Anticrimine inoltre a seguito di indagini ha denunciato due romeni N.R. di anni 31 e M.M di anni 24 per furto di un cellulare Iphone all’interno di un ristorante di San Benedetto sito in via Piemonte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 702 volte, 1 oggi)