ACQUAVIVA PICENA – Non si ricandiderà, ma i suoi ultimi mesi da consigliere comunale non passeranno inosservati. Daniela Straccia torna ad attaccare la giunta Infriccioli e lo fa in seguito all’assise tenutasi il 2 dicembre scorso. Tutta colpa di un’amministrazione “assente ed arrogante, incapace di dare risposte ai cittadini”. Ad indignare l’esponente d’opposizione è stata soprattutto l’assenza del delegato al Bilancio, Andrea Infriccioli: “Da quasi un anno ha fatto perdere le sue tracce. E’ inammissibile che si porti sul tavolo un assestamento di bilancio con l’assessore preposto che non c’è. In pratica stiamo assistendo ad un silenzio totale nonostante assessori, consiglieri, sindaco e vice siano tutt’ora in carica”.

Perché a quanto pare il mutismo ha influenzato tutto il centrodestra, su qualsiasi tema. E’ infatti ancora calda la questione legata alla gestione della Fortezza, con il primo cittadino che si è platealmente rifiutato di lanciarsi in chiarimenti riguardo alla querelle in atto tra la Pro Loco ed il Palio del Duca.

“La Corte dei Conti – prosegue la Straccia- ci invita a non utilizzare i proventi dal recupero dell’evasione fiscale per spese a carattere ripetitivo, mentre per quel che riguarda il Centro Giovani ho trovato, dopo ben tre anni, le spese delle utenze telefoniche ed elettriche, che continuiamo a pagare”. Affondi che tuttavia non hanno ottenuto repliche. L’assessore alle Politiche Sociali, in compenso, si sarebbe difeso spiegando di non essere un addetto ai lavori. “Loro non sono mai al corrente di nulla – ribatte lei – nemmeno io sono un ragioniere, bastava essere capaci di leggere. Se non si ha tempo da dedicare alla politica non bisogna accettare incarichi che, seppure lusinghino, comportano degli impegni seri da portare avanti”.

Ulteriori approfondimenti li troverete nel numero 900 di Riviera Oggi – Il settimanale del Piceno, in edicola da giovedì prossimo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 540 volte, 1 oggi)