ANCONA – L’ultima parola in merito alla questione Gas? Spetterà alla Regione Marche, che potrebbe porre il veto sul progetto, annullandolo completamente. A dirlo è l’assessore regionale all’Ambiente Sandro Donati che spiega a chiare lettere come l’autorizzazione definitiva all’impianto di stoccaggio del gas metano rimanga una stretta prerogativa politica di Palazzo Raffaello.

“Per assurdo – affermal’esponente dipietrista – potrei anche dichiarare che per motivi legati agli aspetti territoriali, ambientali, sociali e turistici, di fronte a un parere tecnico positivo, io stesso potrei essere contrario. La Giunta regionale, al momento opportuno, si riserverà politicamente la propria scelta”. Ma per il momento nessuna valutazione è possibile, con gli scenari che son tutti aperti: “La Regione Marche, infatti, a oggi è nelle condizioni di poter concludere l’istruttoria in quanto, da un punto di vista tecnico, il Servizio Ambiente, in collaborazione con Arpa Marche e Corpo Forestale Stato, ha acquisito gli elementi tecnici anche a seguito della produzione delle integrazioni allo studio di impatto ambientale”.

L’assessore non vuole affrontare gli aspetti tecnici “che esulano dalle proprie competenze”. Tuttavia informa che “i tempi per la redazione del provvedimento regionale potrebbero concludersi entro il mese di gennaio 2012 e sono in linea con i tempi programmati per l’esame conclusivo da parte della Commissione di valutazione d’impatto ambientale del Ministero dell’Ambiente”.

Il Comune di San Benedetto, come noto, il 30 novembre ha chiesto ulteriori sessanta giorni per poter fornire la propria posizione, “pertanto, qualora fosse nelle condizioni di produrre il parere entro – e non oltre – il prossimo gennaio, questo verrà tenuto in debita considerazione nel corso dell’istruttoria regionale. L’Ufficio Valutazioni e Autorizzazioni Ambientali della Regione – conclude Donati – comunicherà al Comune e a quanti non hanno fornito il parere definitivo, dopo il deposito della documentazione integrativa (Provincia e Riserva Sentina), i tempi previsti per la conclusione del procedimento regionale e la possibilità di perfezionare i rispettivi pareri”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 256 volte, 1 oggi)