SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Centrale di stoccaggio Gas Plus, si muove anche l’Italia dei Valori che tramite, capogruppo provinciale, ha presentato un ordine del giorno che sarà discusso al prossimo consiglio provinciale.

Scrive Cardilli che “l’area in questione presenta un costante superamento dei limiti normativi relativi al parametro Pm10 e Pm25 e i documenti fornititi dalla ditta” dimostrerebbero “un ulteriore aumento di tale livello”, e che la centrale e le strutture ad essa annesse “sono poste in zona a rischio medio di esondazione e continuamente interessato da fenomeni di allagamento a causa della pioggia e che l’area presenta rischi di tipo sismologico”. Inoltre si sottolinea come “la vocazione prettamente turistica della città di San Benedetto che mal si concilia con la suddetta opera, costruita in pieno centro abitato, a pochi chilometri dal Parco Marino e dalla Riserva Naturale della Sentina, la non risarcibilità e il valore costituzionalmente riconosciuto a beni fondamentali come sicurezza, salute e integrità del cittadino, la mancanza di studi che dimostrino l’assoluta non pericolosità dell’impianto da realizzarsi”.

Per questo Cardilli chiede al presidente Celani “ad utilizzare ogni strumento in suo possesso per ostacolare e fermare definitivamente la costruzione dell’impianto di stoccaggio di gas”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 221 volte, 1 oggi)