MARTINSICURO – La costituzione del Terzo Polo a Martinsicuro si prospetta piuttosto ostica. Finora non hanno prodotto i risultati sperati gli incontri tra Udc, Fli e Api, tanto che l’aria che si respira nei partiti è quella di forte perplessità sul raggiungimento dell’obiettivo. Posizioni distanti si avrebbero soprattutto tra Fli e Udc. A fare da pregiudiziale sarebbero non i contrasti personali tra alcuni dei rispettivi esponenti (che da ambo i lati assicurano di aver ormai accantonato),  quanto piuttosto “divergenze su contenuti politici”, in una misura tale che il segretario dell’Udc Concetto Di Francesco si è detto “piuttosto scettico” sulla costituzione della coalizione.

E se le prospettive di alleanza saranno ancora una volta oggetto di attenta riflessione in una riunione di partito che si terrà in settimana, Fli e Api premono affinchè l’Udc prenda una decisione definitiva in tempi brevi. Le amministrative d’altronde si avvicinano e per i due soggetti politici di recente costituzione a Martinsicuro la campagna elettorale dovrà anche basarsi su iniziative di promozione e radicamento sul territorio, a differenza dell’Udc che può farsi forte di una affermata storia politica in città. Qualora il Terzo Polo non riuscisse a costituirsi a livello locale, non è escluso che alle amministrative Udc da un lato e Fli e Api dall’altro possano andare a confluire in coalizioni politiche differenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 154 volte, 1 oggi)