MACERATA – Continua il percorso della Rassegna permanente di Drammaturgia e Critica No.M.I – No Man’s Island, organizzata dalla compagnia sambenedettese Nessunteatro, che a novembre torna per esplorare i territori della drammaturgia contemporanea presentandone Seduzioni, Condizioni e Illusioni, attraverso il lavoro di artisti e autori di rilievo nel panorama nazionale.

Due le esclusive regionali che andranno in scena sul palco del Teatro Lauro Rossi di Macerata giovedì 24 novembre. Si inizia alle 21 con la compagnia aretina CapoTrave che presenta “Virus”, un affresco dai tratti cinematografici che attinge da “La Peste” di Albert Camus per rappresentare la condizione della società odierna attraverso i suoi drammi e le sue paure. Il lavoro della Compagnia CapoTrave, orientato alla ricerca e all’innovazione del linguaggio teatrale, si esplicita, oltre che nella produzione di spettacoli, nell’organizzazione del Kilowatt Festival che recentemente è valso al gruppo il più autorevole riconoscimento teatrale italiano: il Premio Ubu.

A seguire Roberto Latini con l’ultimo progetto realizzato con la Compagnia Fortebraccio Teatro dal titolo “Noosfera Lucignolo”, una favola contemporanea che ha come protagonista il personaggio collodiano. Lucignolo è figlio di un malessere che non si accontenta della sola aspirazione, non si consola, agisce, inseguendo la certezza di un’illusione e paga il conto del proprio sogno.

Roberto Latini, riconosciuto talento del teatro di ricerca italiano, scelto da Radio3 per le trasmissioni “Il Sogno di mezzanotte” e “Tutto Esaurito!” in onda da ottobre 2011, ha intrapreso con la Compagnia Fortebraccio Teatro un originale percorso che lo ha visto protagonista nei maggiori festival e rassegne nazionali.

In questo viaggio al termine del visibile dove la scena immerge la testa in una singolare regione sotterranea, tra le rovine della coscienza e quelle della civiltà, si inserisce, alle 18.30, la presentazione del libro “Io sono un’attrice. I teatri di Roberto Latini” a cura dell’autrice Katia Ippaso. La giornalista, scrittrice e critica teatrale ha messo a nudo il particolare tipo di “concerto” per voce e corpo che caratterizza il lavoro di Roberto Latini e del gruppo Fortebraccio Teatro, riuscendo a far trapelare, attraverso interviste e conversazioni, la seduzione esercitata dall’attore sul pubblico. L’incontro, coordinato dal giornalista e critico teatrale Pierfrancesco Giannangeli, docente di Drammaturgia e Storia del teatro all’Accademia di Belle Arti di Macerata, sarà ospitato nei locali della Libreria Feltrinelli.

Per gli spettacoli in programma al Lauro Rossi è necessaria la prenotazione telefonica al numero 329.7020664.
L’incontro pomeridiano presso la Libreria Feltrinelli è ad ingresso libero.

Leggi le recensioni:

Andrea Gimbo, “Virus”  – www.teatroteatro.it, 11 aprile 2011

Graziano Graziani, “Il Virus che è dentro di noi” – www.carta.org, 12 aprile 2011

Franco Cordelli, “Latini, celebrante dell’illusione” – Corriere della Sera, 5 dicembre 2010

Nicola Arrigoni, “Le verità di Lucignolo” – www.giudiziouniversale.it, 21 luglio 2011

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 114 volte, 1 oggi)