COLONNELLA – Quarantanove anni, una moglie e cinque figli, l’animo eversivo e sognatore dell’artista, e un progetto tanto ambizioso quanto affascinante in tasca: educare i 200mila abitanti di Kaolack, ridente cittadina del Senegal, a differenziare i rifiuti.

Cheick Oumar Demba Gaye l’idea la coltiva da sempre. Ma finora non aveva mai avuto i mezzi per concretizzare quel sogno. Lasciato il Senegal nel 1997, per tre anni ha calcato i palcoscenici delle città europee con una compagnia teatrale senegalese, portando in scena i ritmi e i colori della sua terra. Nel 2000 arriva in Italia, dove si stabilisce con la sua famiglia, spostandosi in vari paesi del teramano, fino a quando non arriva a Colonnella. Ed è proprio qui, nel piccolo centro della Val Vibrata che, a distanza di tanti anni, Oumar rispolvera il progetto riuscendo a trasformarlo in una possibilità concreta per la sua città natale.

L’articolo integrale su Riviera Oggi 896 in edicola.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 203 volte, 1 oggi)