SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Marr, una delle aziende più importanti d’Italia nel settore alimentare, ha deciso di donare un consistente quantitativo di prodotti alimentari alla Caritas Diocesana di San Benedetto, diretta da Umberto Silenzi. I rappresentanti locali della Marr, l’agente Cristian Di Mattia e il funzionario Paolo Cesaretti, in rappresentanza dell’azienda, hanno specificato che si tratta di un importante quantitativo di pasta e un quintale di carne, grossomodo sufficienti a fornire 2 mila pasti per le persone che quotidianamente si recano nella struttura di via Manara.

“Per noi questa è una bellissima iniziativa, si tratta di una forma contributiva che cercheremo di avviare con una certa periodicità con la Caritas” ha dichiarato brevemente Cesaretti.

L’iniziativa è stata voluta grazie all’intermediazione del presidente del Consiglio comunale Marco Calvaresi, imprenditore turistico che ovviamente ha rapporti lavorativi con la Marr. Per lui il sindaco Gaspari esprime parole piene di elogio: “Bella iniziativa, questo dimostra come ci sono persone che riempiono di passione il proprio ruolo come Marco Calvaresi, che con questa e altre soluzioni sta dando un ruolo e una sostanza alla sua carica di presidente del Consiglio comunale. Sappiamo quanto afflusso giornaliero c’è alla Caritas, così Calvaresi ha messo in contatto le due realtà. Quando i soldi sono pochi anche per noi enti locali, occorre mettere in contatto intelligenze e sinergie. Non era una cosa dovuta, questa iniziativa, ma soltanto un atto di sensibilità“.

“Ringrazio Gaspari per la scelta d’avermi nominato presidente del Consiglio comunale – ha detto da parte sua Calvaresi – Ricordo che al momento del conferimento di questo incarico, avevamo detto che per noi rappresentava un riconoscimento nell’esigenza di realizzare qualcosa, come ha detto Gaspari ieri, per non lasciare nessuno indietro“. Riguardo l’accordo con la Marr, Calvaresi spiega che “questo è il momento dove stringersi insieme e dare ciascuno il proprio contributo, in modo da incentivare importanti sinergie secondo il principio di sussidiarietà. Con la Marr ho trovato questa possibilità, e loro hanno risposto con la massima sensibilità”.

Umberto Silenzi, da parte sua, non ha potuto che ringraziare: “Ringrazio la Marr, questo per noi è un aiuto importante, e ricordo come Calvaresi sia stato sempre sensibile già dagli anni della Pro Loco, a Pasqua e a Natale. Molti dicono che noi non siamo un veicolo pubblicitario, e infatti è così, chi aiuta la Caritas non lo fa per un ritorno d’immagine, certamente”. Alla Caritas, che serve di media 50 pasti al giorno, il problema effettivo non è trovare il cibo, ma coordinare tutte le iniziative in modo da arrivare ad aiutare anche le persone più sole e disperate: “Non per farli diventare dei parassiti, ma per dargli la forza di tornare a vivere con le proprie energie” spiega Silenzi, il quale ricorda come “in ogni parrocchia vi è una Caritas, e proprio per questo stiamo cercando di assegnare sempre più funzioni alle parrocchie, che sono più vicine alla residenza delle persone”. A tal proposito si fa presente di una iniziativa che ha coinvolto numerosissime famiglie, ovvero donare 10 euro ogni mese a favore della Caritas: “In due anni siamo arrivati alla cifra di 170 mila euro“.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 859 volte, 1 oggi)