SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ultimo punto del consiglio comunale.

“Se dobbiamo scegliere tra dare un contributo a chi non riesce a pagare la bolletta e uno spettacolo, scegliamo la prima soluzione”, afferma Gaspari spiegando il senso del programma di mandato, “non lasciare indietro nessuno”.

“Ho letto sulla stampa il tentativo di accendere una polemica quando noi abbiamo parlato di razionalizzare l’uso dei poli scolastici, ovviamente, giacché un comitato contro non si nega mai, sono partite le raccolte di firme. Mi chiedo: un privato o un ente virtuoso, può tenere aperto un plesso con una classe di 20 bambini, quando a 300 metri c’è una scuola capace di accoglierla al meglio? Noi siamo un ente virtuoso”.

“Sulla tassa di soggiorno abbiamo unito tutti i comuni da Rimini a San Benedetto. Ma a San Benedetto faremo qualcosa di diverso, cerchiamo di offrire ospitalità superiore al costo della tassa di soggiorno, mi riferisco ad esempio di una “card” per usufruire delle nostre strutture sportive sambenedettesi e dei dintorni o anche ad eventi enogastronomici”.

Vignoli: “Questo programma non si regge su tante contraddizioni. Da quello che avete scritto, tutti questi progetti che volete realizzare e che girano da tanto tempo, i cittadini dicono “oh che bello”, ma qui si tratta di 20 milioni di euro di opere pubbliche. Voi dite che interverrete con i privati, ma sarà il caso di dire cosa date ai privati per questi 20 milioni. E se dite che volete il Prg, sarà il caso di dire cosa volete dare in cambio di costruzioni per 20 milioni di euro invece che prenderci in giro per altri 5 anni?”

“Siete contraddittori – continua Vignoli – Troppi riferimenti alla politica nazionale, tra l’altro, nel programma di mandato”.

Interrompiamo qui la diretta


Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 189 volte, 1 oggi)