CONTROGUERRA – Mutande, canottiere, reggiseni, gonne, maglie e anche scarpe da tennis. E’ quanto periodicamente M. R., 38enne di Controguerra sottraeva alla sua vicina di casa dai panni stesi ad asciugare e in casa. Quando la proprietaria ha realizzato chi fosse l’autrice di quegli insoliti furti, si è presentata a reclamare gli indumenti. Questa dapprima ha negato, ma la donna avrebbe anche riconosciuto in casa un capo di abbigliamento di sua proprietà. Ne è nato un alterco e dalle parole si è passati alle mani, con M.R. che ha rifilato alla vicina di casa anche alcuni sonori ceffoni.  A sedare la lite scoppiata tra le due donne sono intervenuti i Carabinieri di Corropoli che hanno denunciato M.R. per furto in abitazione e lesioni personali. La proprietaria degli indumenti, soccorsa per le percosse ricevute, ha avuto una prognosi di due giorni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 507 volte, 1 oggi)