ALBA ADRIATICA – Sequestrato laboratorio di produzione di capi di abbigliamento contraffatti che venivano venduti nei mercati della costa teramana e marchigiana. L’operazione della Guardia di Finanza di Giulianova ha portato alla denuncia di P.L., ambulante di Alba Adriatica, già con precedenti specifici in materia di contraffazione. L’uomo aveva deciso di “mettersi in proprio”, allestendo un laboratorio attrezzato per la produzione di capi contraffatti. I militari hanno sequestrato 83 felpe e t-shirt, un pc completo di stampante, due presse a caldo e oltre 2600 matrici per la stampa. L’ambulante è stato fermato mentre si recava al mercato di Grottammare le per la vendita della merce contraffatta. A bordo del furgone sono stati trovati anche un consistente catalogo di matrici  riportanti marchi ed immagini registrate ed una pressa a caldo, con la quale, a richiesta, poteva stampare su felpe e t-shirt “vergini” l’immagine o il logo coperto da copyright di note aziende di moda. Le attività di servizio sono proseguite con la perquisizione presso l’abitazione dell’ambulante ove è stata rinvenuta un’altra pressa a caldo oltre ad altri numerosissimi oggetti cosiddetti “transfer”, che permettevano al singolare “artigiano” della contraffazione la formazione di capi d’abbigliamento sui quali venivano stampate le immagini dei marchi più di tendenza quali personaggi della serie televisiva dei Simpson e della Walt Disney, squadre di calcio, marchi di birra ecc. Tutta la merce ed i macchinari rinvenuti sono stati sequestrati e l’ambulante è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria di Teramo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 905 volte, 1 oggi)