GROTTAMMARE – Proseguono gli interventi sul litorale grottammarese per ridurre il problema dell’erosione marina. Il primo obiettivo sarà quello di emplementare i lavori già eseguiti  tra la zona centro e la foce del  torrente Tesino in modo da migliorare ulteriormente l’efficacia delle barriere realizzata nel corso dell’estate. Nel frattempo l’ufficio Tecnico del Comune di Grottammare informa di aver inviato alla Regione Marche un nuovo progetto di rafforzamento per la “zona Frana”.

Le opere, che si andranno a integrare riguardano, lo specchio d’acqua tra le concessioni Circolo Tennis e chalet Baloo e saranno eseguiti dalla Coop San Martino di Marghera di Verona, con i fondi risparmiati dal ribasso di gara (che aveva generato economie pari a 36mila euro). La ditta in questione, infatti, è la medesima dei lavori già apportati nell’estate 2011.

Intanto, è in corso di valutazione, da parte del Servizio regionale di Difesa della Costa, l’ultimo progetto stilato dall’ufficio Tecnico Comunale riguardante un tratto di 450 metri, a partire dal confine con Cupra Marittima verso sud. Si tratta della grande spiaggia libera cittadina, zona Frana, ormai quasi completamente sparita per colpa delle erosioni. L’intervento andrebbe a proseguire quello realizzato recentemente dalla Regione Marche a protezione del litorale cuprense, garantendo logica continuità nell’azione di difesa dell’arenile eroso.

La manutenzione progettata riguarda: sia la protezione della pista ciclopedonale che della retrostante linea ferroviaria e di conseguenza della spiaggia libera. Il primo intervento sarà effettuato sulle quattro scogliere emerse, poste a 100 metri dalla linea di battigia, danneggiate a seguito delle mareggiate del 21 giugno e del 23 dicembre 2010. L’intervento è coperto da un finanziamento regionale per 120 mila euro concesso con decreto dirigenziale lo scorso aprile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 341 volte, 1 oggi)