SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ragionare da territorio, “perché al giorno d’oggi le distanze con città come Ascoli o Fermo fanno ridere”. Sarà questa la missione del nuovo Consorzio Turistico di Stefano Greco, che nella mattinata di giovedì ha incontrato il sindaco Gaspari in Comune, affiancato dal vice Massimo Forlì e dal presidente onorario Renato Novelli.

“E’ stato uno scambio di idee e vedute con me che sono una persona informata sui fatti, dato che posso essere considerato la memoria storica del Consorzio”, ha dichiarato il primo cittadino. Un confronto basato più che altro sugli aspetti metodologici da perseguire: “Non voglio scavalcare l’assemblea dei soci. Ho solo spiegato che l’intenzione dovrebbe essere quella di allargare gli orizzonti e pensare come se fossimo un tutt’uno. Abbiamo delle potenzialità grandi”.

Si è parlato, ma solo marginalmente, anche di tassa di soggiorno: “E’ scontato che verrà introdotta – ha affermato Greco – non è in dubbio. Ne abbiamo discusso, di sfuggita”. L’amministrazione comunale tuttavia ha annunciato di voler accostare all’imposta dei benefit di cui usufruire nel corso delle vacanze a San Benedetto: “Vorremmo creare una card che consenta ai turisti ad esempio di entrare in piscina o nell’area di pattinaggio gratis – ha spiegato Gaspari – o magari offrire corse di pullman o ingressi gratuiti nei musei o nelle varie amministrazioni”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 242 volte, 1 oggi)