CUPRA MARITTIMA – Nei giorni di sabato 5 e domenica 6 novembre a Marano si volgerà “Castagne al Borgo”. Due giorni dedicati alle delizie dell’autunno che i golosi e gli amanti del clima di novembre non possono farsi sfuggire.

L’evento è organizzato dai comitati di quartiere in collaborazione con la Pro Loco, l’amministrazione comunale, i comitati di quartiere ed il Csi San Basso. Grazie a “Castagne al borgo” si potranno gustare non solo caldarroste ma anche bruschette, vino, “acquaticcia” (ovvero un vinello leggero), vin brulè, dolci categoricamente a base di castagne, braciole arrosto, salumi, formaggi e fagioli con le cotiche.

Imperdibili poi le degustazioni di olio e vino in cantina. Si inizia dunque sabato 5 novembre alle ore 16.30 con l’apertura delle vie di Marano e i giochi di un tempo. Alle ore 17:30 aprirà uno stand tutto dedicato al “Nostro amico Pane: conoscerlo e gustarlo” a cura di Settimio Tassotti, presidente dell’Associazione Panificatori. Alle ore 18:30 le vie del borgo si animeranno grazie agli stornelli de “I Limitati Band” di Montemonaco e il saltarello di “Domè e i suoi amici” di Cupra Marittima. La serata prosegue con i cantastorie nelle osterie a cura dei ragazzi della scuola secondaria di Cupra.

Domenica 6 novembre invece gli stand la festa inizia già intorno alle ore 15 con il saltarello del gruppo folkloristico “Domè e i suoi amici”, si prosegue poi con la caccia al tesoro per tutti a cura del Csi. Alle ore 15:30 partono i simpatici stornelli dei gruppi “Lu trainanà” e “Li pilligrini, li savi, li matti e l’amore”. Alle ore 16 e alle ore 17 i bambini della scuola d’infanzia “Principe di Napoli” si esibiranno con il saltarello. I ragazzi della scuola secondaria tornano alle ore 17:30 impersonando degli antichi cantastorie per le osterie del borgo, successivamente, sempre i ragazzi della scuola secondaria si esibiranno con il saltarello e con lo spettacolo di chiusura “Le streghe”.

Inoltre interessante sarà anche l’esposizione degli antichi mestieri come ad esempio il ceramista, il fabbro, lo scultore, l’orafo, il pittore, senza tralasciare l’illustrazione di come venivano realizzate marmellate, candele, saponi. Per l’occasione sarà possibile visitare anche il Museo Archeologico e il Presepe Poliscenico. Per poter accedere al paese alto senza stancarsi sarà disponibile il bus navetta gratuito da piazza della Libertà.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.398 volte, 1 oggi)