SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si sarebbe dovuta svolgere lo scorso aprile, ma il violento terremoto sconvolse ogni piano. Ecco allora che la seconda edizione del “Japan Festival” si restringe da cinque ad un unico giorno ed andrà in scena sabato 29 ottobre presso l’Istituto Alberghiero di San Benedetto. Da mattina fino a sera si potrà prender parte ad una versione ridotta, nella quale comunque si potrà scavare nelle curiosità della cultura nipponica.

“Ospiteremo dodici persone, tra ragazzi e ragazze, che si cimenteranno nella cucina e nell’artigianato”, spiega l’assessore alla Cultura, Margherita Sorge: “Un appuntamento importante anche per farci conoscere come realtà all’estero”. Un pensiero condiviso pure dal preside dell’Ipsaar, Alfonso Sgattoni: “Abbiamo molti collegamenti internazionali e ci teniamo a proseguire nella tradizione. Per noi è un onore ed uno stimolo. Se il tempo ce lo consentirà sfrutteremo l’ampia terrazza, altrimenti l’evento si svolgerà al chiuso”.

La delegazione giapponese è proveniente quasi integralmente da Tokyo, mentre sono due gli originari di Fukushima, paese che proprio a causa del sisma subì gravissimi danni alla centrale nucleare del posto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 352 volte, 1 oggi)