per vedere i video clicca sulla destra e attendi il caricamento dello spot pre-video

riprese e montaggio Maria Josè Fernandez Moreno

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Famiglia, istruzione, patria, lavoro: i temi sono quelli tipici della destra classica (manca Dio, per la verità) adattati alle necessità dei giovani del 2011 (istruzione e lavoro). Di questo discuteranno i ragazzi della Giovane Italia Ascoli Piceno nel corso della prima assemblea del movimento che si terrà venerdì 28 ottobre alla Galleria Calabresi di San Benedetto, a partire dalle ore 17.

Discontinuità nei confronti della vecchia politica, nelle parole dei ragazzi che fanno comunque riferimento al Pdl, che per il momento però preferiscono evitare personalismi: “La critica in un momento come questo è normale – afferma Marco Fioravanti, presidente di Giovane Italia Ascoli Piceno e consigliere comunale ad Ascoli – Stanno fallendo tutti i modelli politici attuali, quindi per noi è necessaria una spinta dal basso per immettere nuove energie. Si tratta del sistema che, in generale, non funziona”.

Saranno quindi bene attenti i rappresentanti istituzionali del Pdl piceno e marchigiano invitati ad ascoltare le proposte dei ragazzi del Pdl: il presidente della Provincia Piero Celani, probabilmente il sindaco di Ascoli Guido Castelli, i parlamentari Remigio Ceroni e Carlo Ciccioli. “Ma non c’è alcuna intenzione di prendere il posto di altri o o di cacciare qualcuno – continua Mirko Petracci, altro giovane consigliere comunale ascolano – Noi siamo per una politica delle idee e non dei contrasti interni ai partiti di ogni posizione, a cui siamo abituati in questi anni. Vogliamo aiutare il nostro territorio e la nostra nazione. Ci stiamo muovendo nelle scuole e il 9 novembre saremo in piazza anche ad Ascoli con nostre proposte, non come i giovani della sinistra che avendo perso partiti di riferimento adesso si muovono in movimenti come il Popolo Viola o gli Indignati”.

L’iniziativa si tiene a San Benedetto anche per motivi politici: qui, qualche mese fa, il centrodestra ha subito una cocente sconfitta elettorale e ancora stenta a riorganizzarsi. Annalisa Ruggieri, consigliere comunale del Pdl, precisa: “Nessuno, ovviamente, si sarebbe aspettato un risultato di queste dimensioni, ma noi siamo qui perché vogliamo rimetterci in movimento e confrontarci anche con chi ci accusa di fare una opposizione silente. Domenica scorsa, in centro, abbiamo organizzato un gazebo e tantissime persone sono venute a parlarci per sapere cosa proponiamo loro. Per questo motivo non vogliamo disperderci e soprattutto far capire anche al partito che la politica si fa tutti i giorni, senza andare invece dietro alle campagne elettorali quando ci si affretta ad ottenere candidature. L’appuntamento del 28 è per noi un momento di partenza, e non di arrivo: per questo ci aspettiamo una vasta partecipazione di ragazzi”.

Incontro al quale sono stati invitati anche i giovani dell’Udc e del Pd, quasi per creare ponti generazionali che superino invece i confini partitici: “E con al nomina di un giovane come Alfano alla guida del Pdl – continua la Ruggieri – sicuramente è stato dato un segnale”.

Simone Corradetti, consigliere comunale di opposizione ad Offida, aggiunge che “si tratta di una bella opportunità per avvicinare i giovani alla politica: lo vediamo anche nei consigli comunali, quanto scarsa è la partecipazione: è bene interessarsi del proprio futuro e in caso manifestare il proprio disaccordo ma pacificamente. Quello che è avvenuto il 15 ottobre a Roma è un fatto grave, noi del Pdl siamo persone civili”.

Giorgia Latini, dirigente nazionale di Giovane Italia, è tornata ad Ascoli dopo un periodo di residenza a Roma: “Così potrò dare il mio apporto di esperienze acquisite in un momento particolarmente difficile”

Sulla locandina dell’evento, dietro allo sfondo delle Frecce Tricolori, campeggia il primo piano di un personaggio nato dalla penna dello scrittore Tolkien, Gandalf: “Fa parte della mitologia della destra e ci è sembrato giusto rappresentarlo, anche perché siamo stanchi di una politica fatta sui personalismi, vogliamo impostarla sui valori e noi tutti crediamo nel Tricolore”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.544 volte, 1 oggi)