CUPRA MARITTIMA – Ancora pochi giorni per poter presentare la domanda di contributo agli affitti. Entro le ore 12 di lunedì 31 ottobre 2011 infatti, presso l’ufficio di servizio protocollo generale del comune di Cupra Marittima occorre presentare la documentazione necessaria.

Possono fare domanda tutti i cittadini residenti nel comune di Cupra che siano in possesso di determinati requisiti quali ad esempio avere ovviamente un contratto di locazione regolarmente registrato. Il canone netto non deve essere superiore a 600 euro per i nuclei familiari con meno di 5 componenti, 700 euro per i nuclei familiari con un numero di componenti pari o superiori a cinque.

Il reddito di chi presenta la domanda non deve essere superiore a 5.424,90 euro (in questo caso si riceverà un contributo di 2.712,45 euro), oppure di 10.849.80 euro (si riceverà invece in questo caso un contributo di 1.356,22 euro). La domanda di contributo, dovrà essere presentata, a pena di esclusione, utilizzando esclusivamente gli appositi modelli in distribuzione gratuita presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Cupra Marittima o scaricabile dal sito internet www.comune.cupra-marittima.ap.it.

Alla domanda dovrà essere obbligatoriamente allegata, a pena esclusione dal contributo, l’autocertificazione del proprietario dell’immobile comprovante l’avvenuto pagamento dei canoni di locazione con indicazione delle mensilità, oppure una copia di tutte le ricevute del canone d’affitto dell’anno 2011 pagate fino alla presentazione della domanda; la copia del contratto d’affitto; l’attestazione Isee e Dsu (dichiarazione sostitutiva unica).

I valori per il calcolo della capacità economica devono essere desunti dai redditi prodotti nell’anno 2010. Per evitare errori e favorire la corretta compilazione della domanda, si suggerisce al richiedente di allegare oltre alla obbligatoria dichiarazione Isee, copia della ricevuta di pagamento dell’imposta di registro relativa all’anno 2011 (modello F 23).

Il contributo effettivo sarà erogato agli aventi diritto in un’unica soluzione, ripartito sulla base dei contributi erogati dalla Regione Marche. In ogni caso il contributo effettivo non dovrà essere superiore all’ammontare del canone di locazione annualmente pagato, e non potrà essere inferiore ad una soglia minima di contributo di almeno una mensilità di affitto quietanzato. Una specifica riserva di contributi regionali del fondo anticrisi verrà erogata ai soggetti rientranti nella categoria ”ex lavoratore dipendente che non goda di indennità o che abbia una indennità a seguito di licenziamento, che abbia perso il lavoro dal 1° gennaio 2010 a causa di dimissioni, licenziamento, mancato rinnovo del contratto. Una volta ricevute tutte le richieste sarà comunicata la graduatoria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 167 volte, 1 oggi)