SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Stanno bene i cooperanti italiani e marchigiani che sono nella regione del Sahara algerino dove, tra sabato notte e domenica, alcuni terroristi forse riconducibili ad Al Queda hanno sequestrato tre cooperanti internazionali, due spagnoli (uno dei quali ferito durante l’azione) e la sarda Rossella Curru. In particolare tre sono i marchigiani: Rosanna Belini di Servigliano, Alessandra Pirella di Ancona e Riccardo Cecchi di San Benedetto, 23 anni, ingegnere informatico.

Nel momento dell’attacco i tre si trovavano comunque a circa 10 chilometri dal villaggio di Tindouf, dove è avvenuto il sequestro.

Nelle prossime ore aggiorneremo la situazione. Cecchi era in Saharawi, popolo che da oltre dieci anni ha stretto un rapporto d’amicizia con il Comune di Grottammare, fin dall’amministrazione di Massimo Rossi.

Leggi qui le dichiarazioni di Cecchi nell’ultima conferenza stampa a Grottammare lo scorso 13 luglio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 567 volte, 1 oggi)