RIPATRANSONE – Con l’inaugurazione della “Piazza Unità d’Italia”, di “Via del Tricolore” e del “Largo del Risorgimento” è stato ufficialmente aperto ai cittadini il borgo “La Vigna” di contrada Cabiano, in Valtesino di Ripatransone.

Il taglio del nastro, effettuato dal sindaco Paolo D’Erasmo, è avvenuto con una cerimonia semplice, a cui hanno partecipato numerose autorità civili e militari della provincia, la banda cittadina e la corale “Madonna di San Giovanni”, e quasi un migliaio di persone.

“Il nuovo borgo – dice il sindaco – rappresenta per Ripatransone una ulteriore prova della sua costante crescita, sia demografica sia economica, ottenuta senza cementificazioni selvagge ma con interventi controllati, a misura d’uomo. Saranno sicuramente tante le giovani coppie che troveranno risposte alle loro esigenze abitative nel nuovo borgo “La Vigna”.

“Dal punto di vista urbanistico – afferma l’assessore Remo Bruni – il nuovo quartiere residenziale si prefigura come un piccolo borgo immerso nel verde della vallata e dotato di ampi spazi pubblici, giardini e parcheggi, con una percentuale rispetto al carico insediativo molto superiore a quella prevista per legge. E le opere d’interesse pubblico a carico della Sipa sono state davvero straordinarie; tra esse, la nuova scuola dell’infanzia e il centro di aggregazione, la rotatoria sulla provinciale, il campo sportivo utilizzato dalle Società di calcio: Avis Ripatransone e polisportiva Valtesino.

“Al nuovo borgo – conclude Bruni – sono poi collegate opere di rilevanza straordinaria per la vallata e non solo, quali la riqualificazione del sagrato della chiesa parrocchiale, il collettore fognario di ben undici chilometri che arriva fino al depuratore di Grottammare, la metanizzazione della Valtesino e della Petrella” ( in corso di progettazione definitiva anche la metanizzazione della frazione San Savino).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.243 volte, 1 oggi)