ALBA ADRIATICA – Uccide l’ex moglie colpendola con il coltello alla gola e all’addome, davanti ad uno dei loro figli.

Maria Rosaria Perrone, commerciante 51enne di Alba Adriatica è morta per i fendenti ricevuti dal marito, William Adamo, pensionato di 59 anni originario di Iglesias ma da molti anni residente ad Alba Adriatica, che l’ha aggredita nel corso di un violento litigio. I due erano separati da oltre un anno ma l’uomo forse non aveva mai accettato la separazione. Oggi pomeriggio verso le 15 si sono dati appuntamento in via Roma e una volta incontratisi hanno percorso insieme in auto un tratto di strada. Presente con loro anche uno dei 4 figli, un ragazzo autistico di 20 anni. Durante il tragitto è iniziato però un litigio e i toni si sono accesi a tal punto che l’auto si è fermata nei pressi di via Gorizia. L’uomo ad un certo punto ha estratto un coltello da cucina  che portava con sé (indizio di una qualche premeditazione dell’uomo nei confronti della moglie) e ha sferrato alcuni fendenti, colpendo l’ex moglie alla gola e all’addome. Alcuni residenti, che già avevano avvertito le urla dei due che litigavano nell’auto, hanno visto la scena e hanno chiamato i Carabinieri di Alba Adriatica.

I militari del Radiomobile, coordinati dal maresciallo Luigi Colazzo, giunti sul posto hanno bloccato l’uomo mentre la donna, già in condizioni gravissime, è stata trasportata in ambulanza prima a Sant’Omero, sarebbe dovuta essere trasferita a Teramo per essere sottoposta ad un delicato intervento chirurgico. Purtroppo non ce l’ha fatta ed è morta prima del trasporto. L’ex marito dovrà rispondere di omicidio pluriaggravato.

Il caso è stato affidato al sostituto procuratore di Teramo Bruno Auriemma. Il ragazzo autistico, che ha assistito impotente all’omicidio della madre, è stato affidato ai tre fratelli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.300 volte, 1 oggi)