GROTTAMMARE – Finalmente Città. Fortemente richiesto dallo storico Mario Petrelli, a firma del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, l’11 ottobre scorso a Grottammare è arrivato il tanto atteso titolo.

“E’ una gioia, questa – ha commentato il sindaco Luigi Merli – che giunge in un momento di crisi delle istituzioni e di grande mortificazione per i Comuni italiani. Come amministratori, abbiamo ereditato un impegno e ci siamo prodigati per realizzarlo”.

L’assessore alla Cultura e poeta, Enrico Piergallini, ha personalmente curato il manoscritto che spiega le cinque motivazioni della richiesta del titolo: “Ci tengo a precisare che il tutto è avvenuto a costo zero. Ho potuto contare sulla collaborazione gratuita di Ruggero Pentrella e Alessandra Ghidioli. Il lavoro è stato incredibile, da febbraio a settembre, ma visto il successo ne è valsa la pena”.

Sono trascorsi cento anni da quando nel 1911 i grottammaresi, in occasione dei festeggiamenti per il cinquantenario dell’Unità d’Italia, visto il successo riscosso e testimoniato da varie testate giornalistiche addirittura nazionali, provarono a chiedere senza successo il titolo di Città.

Proprio il ponte tra la ricorrenza di allora e quella dei centocinquant’anni di oggi, 2011, ha fatto scaturire la prima ragione per chiedere di nuovo il riconoscimento.

Grottammare si è potuta vantare della ricchezza delle testimonianze storiche e culturali. Nella Città (ormai a pieno titolo) si sono avvicendate molte civiltà di cui oggi sono visibili ancora le tracce, dalle chiese romaniche ai villini liberty. Questa è stata la seconda ragione.

I nomi dei celebri grottammaresi come Papa Sisto V e Pericle Fazzini famosi in tutto il mondo e i anche per i personaggi illustri che hanno soggiornato a Grottammare come il musicista Franz Listz sono stati la terza ragione.

Grottammare ha spiegato tante forze per trasformarsi in un luogo adeguato per il benessere dei propri cittadini grazie all’edificazione di strutture (quarta ragione) come i tre teatri, la piscina, una biblioteca, pista ciclabile..

Una Città per essere definita tale deve dimostrare di avere la capacità di adattarsi al cambiamento e di interpretare il suo ruolo nell’orizzonte multietnico e sovranazionale della globalizzazione. I servizi che Grottammare ha attivato per le fasce più deboli e per la cooperazione internazionale come il Progetto Saharawi, sono stati la quinta ragione.

Essendo diventata una Città, Grottammare ha bisogno di un nuovo gonfalone. Il lavoro è stato commissionato a Michele Rossi, che sta facendo delle ricerche per capire se può creare una versione più moderna dello stemma rappresentato da una torre con due piante di arancio.

Con ogni probabilità il nuovo gonfalone verrà presentato domenica 23 ottobre in Piazza Fazzini con una festa dedicata ai bambini e a tutti i cittadini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 612 volte, 1 oggi)