SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In principio fu il compianto Paolo Frajese che, nel 1998 in collegamento da Parigi, lo prese letteralmente a calci. Erano passate poche ore dalla cocente eliminazione degli azzurri dal Mondiale di Francia ad opera dei padroni di casa e il giornalista romano raccontava l’amarezza di un ritorno a casa macchiato dal maledetto rigore sbagliato da Di Biagio. Tredici anni dopo Gabriele Paolini non si è ancora arreso, nonostante nel 2007 avesse confidato ad Enrico Mentana la rinuncia al mestiere di disturbatore televisivo.

Stavolta però niente calcio, nessuna delusione sportiva di mezzo. Si parlava di Meredith e dell’assoluzione in Appello di Raffaele Sollecito ed Amanda Knox. Non un contesto più lieve, dato che al centro della scena giaceva una ragazza morta ad appena 21 anni e alla ricerca disperata di giustizia.

A raccontare tutto il nostro Remo Croci, sambenedettese doc sorpreso da “Striscia la Notizia” nella puntata di mercoledì in un fuori onda indimenticabile.

In collegamento con “Pomeriggio Cinque”, Croci ha prima rassicurato la conduttrice Barbara D’Urso (“Sono grande e vaccinato. Sono cosciente di quello che faccio se qualcuno mi infastidisce”) per poi lanciarsi all’assalto dello stesso Paolini, tra avvertimenti ed anatemi in dialetto sottolineati ironicamente da Ezio Greggio, commentatore del servizio.

Il video, imperdibile, è già un cult in rete e rappresenta, simpaticamente, un orgoglio per la nostra città.

Dal sito ufficiale della trasmissione: clicca qui per vederlo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 6.304 volte, 1 oggi)