SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Allenamento a carte “mescolate” quello del giovedì, al Riviera delle Palme. Niente amichevole interna ma una partitella a metà campo. Assente il portiere Di Vincenzo, per precauzione, e assente Pazzi per il noto infortunio che potrebbe impedirgli di giocare anche nella gara contro il Teramo (che finalmente dovrebbe vedere ospitati al Riviera delle Palme i tifosi della squadra in trasferta).

L’assenza del capocannoniere della Samb sembra venga compensata da Palladini con uno schieramento che ricalca quello della Nazionale di mister Cesare Prandelli: quindi nessun centravanti di ruolo ma due fantasisti, dalle caratteristiche molto diverse certo, come Giorgio Di Vicino e Giordano Napolano. Ad essi dovrebbe affiancarsi Cuccù in quel ruolo di guastatore offensivo che sta svolgendo sorprendentemente.

Il centrocampo non dovrebbe variare molto rispetto alla scorsa settimana, anche se nei piani di Palladini (in ossequio ai dettami di uno dei suoi maestri, Delio Rossi) vi è, come detto in settimana, la voglia di un attacco a tre (Pazzi, Di Vicino, Napolano), cosa che potrebbe verificarsi soltanto quando Bordi avrà ripreso interamente il ritmo partita. Se Bordi, anche ad Isernia, partirà dalla panchina, ecco che avremo Puglia e Zazzetta sugli esterni, Rulli e Gramacci al centro. Unica alternativa, l’ingresso di Biondi al centro con sacrificio di Puglia e spostamento di Gramacci sulla fascia. Comunque durante l’allenamento Palladini ha anche provato l’under Biancucci come centravanti arretrato alle spalle di Napolano e Di Vicino, molto larghi. Ipotesi.

Nessuna modifica in difesa, naturalmente, con Nicolosi assieme a Mengo e Marini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 858 volte, 1 oggi)