CITTA SANT’ANGELO (PESCARA)-Il risultato della partita di domenica scorsa Renato Curi Angolana – Teramo valida per la 4a giornata del Campionato di Serie D Girone F, rimarrà invariato, ossia il Teramo potrà tenersi stretta la vittoria (per 0-2) conquistata sul campo a Città Sant’Angelo.

Il presidente della squadra pescarese Gabriele Bankowski ha infatti annunciato in comunicato di voler rinunciare al ricorso: “Non faremo ricorso. Il dopo gara della partita è stato molto acceso, ma il rapporto che mi lega a Luciano Campitelli (presidente del Teramo) ha alla fine avuto la meglio . Mi piacerebbe -prosegue il presidente angolano-che i tifosi del Teramo si scusassero con Planamente per il gesto che non c’entra nulla con il calcio. Di certo posso dire che se fosse stata un’altra società, come l’Ancona, sarei andato avanti con l’azione legale”.

Sul Teramo si è già abbattuta, pesante, la mano del Giudice Sportivo: tre turni di squalifica del campo , 3 partite interne (compreso il sentito derby col San Nicolò) da giocare a campo neutro (da destinarsi) e a porte chiuse e 3.500 euro di multa. E dunque la squadra teramana potrà far ritorno al Nuovo Stadio Comunale solo a fine novembre.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 775 volte, 1 oggi)